Aeroporto di Palermo: interventi per 72 milioni | Video :ilSicilia.it

Ad aprile l'apertura dei cantieri

Aeroporto di Palermo: interventi per 72 milioni | Video

di
19 Novembre 2018

Strutture a prova di terremoto, restyling architettonico interno ed esterno, terminal passeggeri rinnovati, più gate d’imbarco, varchi di sicurezza e banchi check-in, nuove rampe pedonali e pontili di collegamento al piazzale aeromobili. Sono questi alcuni degli interventi che saranno presto realizzati presso l’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo. Il progetto, del valore di 72 milioni di euro, è stato presentato stamani in conferenza stampa al Centro direzionale dell’aerostazione, alla presenza tra gli altri del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e del presidente di Gesap, la società che gestisce lo scalo, Tullio Giuffrè.

I lavori del primo lotto, per un importo pari a 48 milioni di euro, cominceranno ad aprile e si concluderanno entro entro il 2020. Si parte con l’adeguamento sismico e la ristrutturazione del terminal passeggeri. Il bando per l’affidamento dei lavori è stato già pubblicato e scadrà il 27 dicembre 2018, mentre quello per l’assegnazione del servizio di direzione dei lavori scadrà il 17 dicembre.

Saranno riconfigurate le sale per i passeggeri e per i viaggiatori a ridotta mobilità (Prm), creati nuovi uffici per gli enti che hanno sede in aeroporto, per gli handler e la biglietteria. Sarà ammodernata la sala per la restituzione dei bagagli, così come l’area arrivi Shengen e imbarchi extra Shengen. Fronte unico per i varchi di sicurezza, che passeranno da 14 a 18. Su un unico fronte anche i banchi check-in, che cresceranno di 9 unità: da 35 a 44, mentre i gates passeranno da 14 a 16. Nuovi ristoranti, locali terrazza e lounge vip.

Anche l’area commerciale, infatti, sarà interessata dal progetto. Questa, infatti, verrà ampliata del 42%: le zone retail passeranno da 10 a 19 e le zone food & beverage da sei a dieci. Secondo le stime fatte lo sviluppo delle aree commerciali porterà benefici in termini di ricavo per almeno 5 milioni di euro all’anno. A fine intervento l’area complessiva del terminal passerà dagli attuali 37.264 metri quadrati ai 44.977, mentre la superficie commerciale passerà da 2.890 a 4.100 metri quadrati.

Il terminal passeggeri sarà ampliato sia verso il mare (land side) sia verso il piazzale aeromobili (air side). Sarà costruito un avancorpo e un impianto fotovoltaico di oltre duemila metri quadrati che produrrà 487 kWh. I cantieri non ridurranno l’operatività dell’aeroporto. Le opere progettate saranno realizzate secondo una precisa scansione temporale, con l’obiettivo di mantenere costantemente in esercizio l’aerostazione e di contenere al massimo eventuali disagi. La Gesap predisporrà un adeguato piano di comunicazione (segnaletica e avvisi) per orientare al meglio il passeggero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.