Aeroporto di Palermo: programmata assemblea dei lavoratori Ksm, possibili disagi :ilSicilia.it
Palermo

A convocarla la Filcams Cgil

Aeroporto di Palermo: programmata assemblea dei lavoratori Ksm, possibili disagi

di
21 Maggio 2018

Continua lo stato di agitazione del lavoratori Ksm in servizio presso l’aeroporto Punta Raisi di Palermo “Falcone e Borsellino”. Stavolta saranno gli iscritti alla Filcams Cgil a riunirsi in assemblea sindacale, martedì 22 maggio dalle 5 alle 7, per discutere dei tagli subiti in busta paga e delle azioni da intraprendere. Venerdì scorso erano stati quelli aderenti all’Ugl a sospendere l’attività lavorativa, sempre per lo stesso motivo. Un’iniziativa comunicata per tempo all’azienda che tuttavia ha determinato rallentamenti ai varchi di sicurezza e che potrebbero ripetersi proprio domani.

Il nodo della questione riguarda alcune indennità che Ksm ha sempre riconosciuto ai lavoratori aeroportuali, in virtù di una serie di accordi raggiunti con i sindacati, e che adesso non ha più intenzione di riconoscere. Con una lettera inviata alcuni giorni fa, infatti, l’azienda comunicava alle organizzazioni sindacali la sua volontà di voler disdettare tutti i protocolli siglati nel tempo. I più colpiti da questa decisione, secondo la Filcams, sarebbero gli addetti alla vigenza del sito aeroportuale perchè perderebbero una serie di retribuzioni legate proprio al riconoscimento della tipologia del servizio.

“A meno di un anno dall’ultima procedura di mobilità, conclusasi senza accordo sindacale e che ha coinvolto 250 dipendenti su tutto il territorio regionale, la KSM comunica la disdetta di tutti gli accordi sindacali territoriali. Un atto intollerabile che va a pregiudicare la già difficile situazione reddituale delle lavoratrici e dei lavoratori KSM”, afferma Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil Palermo. “Per tale ragione – aggiunge – considerato che la maggior parte degli accordi in essere riguarda proprio le guardie giurate in forza presso l’aeroporto, abbiamo proceduto, lo scorso 15 maggio con la convocazione dell’assemblea degli stessi. Nei prossimi giorni, procederemo con l’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati negli altri appalti. Non escludiamo, peraltro, la realizzazione, a breve, di azioni di mobilitazione e di quanto necessario a difesa dei diritti dei lavoratori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.