Aeroporto di Palermo: programmata assemblea dei lavoratori Ksm, possibili disagi :ilSicilia.it
Palermo

A convocarla la Filcams Cgil

Aeroporto di Palermo: programmata assemblea dei lavoratori Ksm, possibili disagi

di
21 Maggio 2018

Continua lo stato di agitazione del lavoratori Ksm in servizio presso l’aeroporto Punta Raisi di Palermo “Falcone e Borsellino”. Stavolta saranno gli iscritti alla Filcams Cgil a riunirsi in assemblea sindacale, martedì 22 maggio dalle 5 alle 7, per discutere dei tagli subiti in busta paga e delle azioni da intraprendere. Venerdì scorso erano stati quelli aderenti all’Ugl a sospendere l’attività lavorativa, sempre per lo stesso motivo. Un’iniziativa comunicata per tempo all’azienda che tuttavia ha determinato rallentamenti ai varchi di sicurezza e che potrebbero ripetersi proprio domani.

Il nodo della questione riguarda alcune indennità che Ksm ha sempre riconosciuto ai lavoratori aeroportuali, in virtù di una serie di accordi raggiunti con i sindacati, e che adesso non ha più intenzione di riconoscere. Con una lettera inviata alcuni giorni fa, infatti, l’azienda comunicava alle organizzazioni sindacali la sua volontà di voler disdettare tutti i protocolli siglati nel tempo. I più colpiti da questa decisione, secondo la Filcams, sarebbero gli addetti alla vigenza del sito aeroportuale perchè perderebbero una serie di retribuzioni legate proprio al riconoscimento della tipologia del servizio.

“A meno di un anno dall’ultima procedura di mobilità, conclusasi senza accordo sindacale e che ha coinvolto 250 dipendenti su tutto il territorio regionale, la KSM comunica la disdetta di tutti gli accordi sindacali territoriali. Un atto intollerabile che va a pregiudicare la già difficile situazione reddituale delle lavoratrici e dei lavoratori KSM”, afferma Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil Palermo. “Per tale ragione – aggiunge – considerato che la maggior parte degli accordi in essere riguarda proprio le guardie giurate in forza presso l’aeroporto, abbiamo proceduto, lo scorso 15 maggio con la convocazione dell’assemblea degli stessi. Nei prossimi giorni, procederemo con l’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati negli altri appalti. Non escludiamo, peraltro, la realizzazione, a breve, di azioni di mobilitazione e di quanto necessario a difesa dei diritti dei lavoratori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin