Aeroporto di Trapani, Ombra a "Non è l'Arena": "Per fare impresa in Sicilia servono le infrastrutture" :ilSicilia.it

le dichiarazioni del presidente di Airgest

Aeroporto di Trapani, Ombra a “Non è l’Arena”: “Per fare impresa in Sicilia servono le infrastrutture”

7 Ottobre 2019

Ha parlato di importanza delle infrastrutture e dell’esigenza di fare sistema con il resto di Italia, Salvatore Ombra, presidente di Airgest, società di gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi, invitato da La7 per partecipare al talk intitolato “Gattopardi – atto II” di Non è l’Arena e condotto da Massimo Giletti. Nei giorni scorsi Salvatore Ombra ha anche ricevuto una missiva da parte del numero due di Ryanair, David O’Brien in cui gli annuncia l’attivazione della tratta quotidiana Trapani Pisa, dalla stagione Summer 2020, come prova, ha scritto lo stesso O’Brien, di un piano a lungo termine per l’incremento dell’impegno della compagnia irlandese su Trapani.

Non è l’Arena, insieme al conduttore Massimo Giletti e agli altri ospiti l’ex deputata Nunzia De Girolamo, il giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco, l’imprenditore del nord Gianluca Brambilla e l’ex presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, Salvatore Ombra ha parlato dell’aeroporto e delle condizioni dei trasporti dell’Isola.

La Sicilia probabilmente sconta cinquant’anni di arretratezza – ha affermato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -. Da Marsala a Palermo ci vogliono 5 ore in treno e ovviamente noi dobbiamo prendere la macchina. C’è però una classe imprenditoriale in pieno fermento che lavora, che produce, che si impegna, che investe e si confronta con un contesto che guarda all’Europa. La mia azienda – ha aggiunto Ombra – esporta dal Cile alla Malesia e tutto questo lo fa da Marsala. Fare l’imprenditore in Brianza, è molto più facile, è come far giocare Maradona contro i miei figli, vince sicuro“.

Una stoccata da parte del numero uno di Airgest è partita anche verso la società che gestisce le autostrade: “Il ponte Morandi – ha affermato Ombra – è caduto lo scorso anno e lo stanno già ricostruendo. Cinque anni fa è caduto il ponte Himera ed è ancora così, ed è sempre l’Anas che se ne occupa. La colpa è forse della nostra indolenza, ma l’Italia deve camminare insieme. Collegare Catania e Palermo è importante quanto collegare Genova“.

E su Trapani Birgi ha ricordato: “Nel 2012 era diventata la base più grande del Sud’Italia di Ryanair, con quattro aeromobili basati. Sono tornato in aeroporto, perché il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, me lo ha consentito, per portare avanti una Sicilia virtuosa e non sprecona, rinunciando allo stipendio di 35 mila euro, per il rilancio del territorio, perché non tutta la classe dirigente lavora per un tornaconto. La mia rata del mutuo di casa la pago attraverso la mia azienda e non con l’aeroporto, per questo posso dire tutto quello che penso“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.