Aeroporto di Trapani: una compagnia aerea spagnola potrebbe salvare Birgi :ilSicilia.it

il fatto

Aeroporto di Trapani: una compagnia aerea spagnola potrebbe salvare Birgi

di
11 Giugno 2020

Una compagnia aerea spagnola potrebbe salvare lo scalo trapanese di Birgi, dopo il recente annuncio dell’abbandono da parte di Alitalia. Il presidente di Airgest Salvatore Ombra potrebbe ufficializzare la soluzione per lo scalo giorno 17 a anche se  dagli uffici di Airgest si predica cautela. Una compagnia iberica, della cui cordata farebbero parte anche alcuni imprenditori siciliani, starebbero investendo sull’operazione.

Insomma, si tratterebbe di un vero e proprio salvagente dopo la decisione di Alitalia. La compagnia di bandiera italiana ha infatti cancellato improvvisamente, a partire da luglio, tutte le proprie rotte quotidiane e, da Trapani Birgi verso Roma Fiumicino e Milano Linate, nonostante i biglietti già venduti. Lo ha annunciato durante una call conference con la dirigenza  della società di gestione dello scalo. Alitalia inoltre, ad oggi, non ha mai firmato il contratto con il comune di Marsala che le avrebbe garantito, in modo di rapido e diretto, oltre 600 mila euro grazie alla legge regionale 24/2016.

Sull’addio di Alitalia è intervenuto il presidente di Airgest, che ha lanciato un appello giorni fa “affinché questo delitto non si compia“. Ombra ha chiesto l’intervento del presidente della Regione Nello Musumeci e di ogni rappresentante politico territoriale. “Mercoledì 17 giugno grande adunanza in aeroporto”.

Non siamo in grado di guadagnarci e allora andiamo via. Con queste poche parole ci hanno liquidati – denuncia qualche giorno fa il presidente di Airgest – L’incontro con cui ci hanno annunciato il sostanziale abbandono è durato pochi minuti e si è svolto alla presenza di Andrea Benassi, revenue management di Alitalia e Gianluigi Lo Giudice, vice presidente Ground Operation. A questo punto – afferma Salvatore Ombra – ogni nostro tentativo di rilanciare l’aeroporto sembra essere vittima di politiche contrarie che non trovano spiegazioni. Lanciamo un appello al territorio, alla stampa, a tutto il personale politico locale, regionale e nazionale ma anche alle categorie produttive e agli operatori del turismo a scendere in piazza e manifestare. Chiediamo, innanzitutto, un intervento forte del presidente della Regione, Nello Musumeci, per bloccare questa decisione insana. Programmeremo iniziative di protesta fino a che Alitalia non farà un passo indietro e mercoledì 17 giugno ci sarà un’adunanza popolare all’aeroporto Vincenzo Florio. Tutti i trapanesi stanchi di subire possono venire in aeroporto, dove ci sono le giuste distanze, per farsi sentire e dire basta al soffocamento della nostra economia e della nostra terra”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin