Afghanistan: ex militare salva oltre 200 animali maltrattati e se li porta a casa in UK :ilSicilia.it

tra cani e gatti

Afghanistan: ex militare salva oltre 200 animali maltrattati e se li porta a casa in UK

di
30 Agosto 2021

Una situazione tragica quella che sta interessando l’Afghanistan, ma non solo per le persone.

La Nowzad, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Kabul, dall’inizio della tragica situazione, ha cercato di trarre in salvo oltre 100 cani, gatti e altri animali recuperati nelle strade in balia dei talebani e ha avviato la campagna “Operation Ark” con il compito di raccogliere circa 200 mila sterline, per poter affittare un mezzo e trasferire fuori dal paese gli animali del rifugio.

All’interno del rifugio della Nowzad a Kabul ci sono 140 cani, 60 gatti, 12 asini, due cavalli, una capra, un toro e uno staff di 24 persone che si occupa della salute dei loro ospiti.

Paul “Pen” Farthing, che ha fondato un rifugio per animali a Kabul a metà degli anni 2000, ieri, ha superato i controlli di sicurezza dell’aeroporto e “Sta tornando a casa con gli animali salvati, dopo che un aereo charter li ha prelevati da Kabul“. Lo ha fatto sapere il Ministero della Difesa (MoD).

Oltre agli animali, Farthing ha portato 125 kg di cibo secco per animali, 72 lattine e 270 litri di acqua, oltre a prodotti per la pulizia e la disinfezione per prendersi cura dei suoi animali e delle loro gabbie durante il loro lungo viaggio di ritorno nel Regno Unito.

In un tweet pubblicato venerdì sera, il Ministero della Difesa ha dichiarato: “Pen Farthing e i suoi animali domestici sono stati assistiti attraverso il sistema all’aeroporto di Kabul dalle forze armate del Regno Unito. Sono attualmente supportati mentre attende il trasporto. L’autorizzazione per il loro volo charter è stata sponsorizzata dal governo del Regno Unito”.

La campagna di Farthing, che ha ricevuto un enorme sostegno pubblico, è stata oggetto di critiche, tra cui il segretario alla Difesa, Ben Wallace che ha dichiarato: “Penso che i miei comandanti senior abbiano impiegato troppo tempo per occuparsi di questo problema quando dovrebbero concentrarsi sulla gestione della crisi umanitaria”.

Farthing però ha replicato così: “Ho dovuto ascoltare a volte chiamate di abuso ai miei consiglieri, ai miei funzionari, basate principalmente su falsità, che qualcuno, da qualche parte, aveva bloccato un volo. Nessuno ha bloccato un volo. Fondamentalmente, come abbiamo visto sui media, ci sono persone disperate e disperate, e non ero preparato a spingere quelle persone fuori dai piedi per questo. Quando le persone sono arrivate al momento giusto, sono state chiamate in avanti, e questa è la cosa giusta da fare. Ma spero che ritorni; gli è stato consigliato di tornare. Sua moglie è tornata venerdì scorso, quindi spero che lo faccia anche lui”.

Inoltre, il Ministero della Difesa ha detto che Farthing non stava usando voli militari, quindi non poteva commentare ulteriormente, aggiungendo che era una questione per il Ministero degli Esteri.

Farthing racconta che Abbiamo attraversato l’inferno per arrivarci e siamo stati respinti nel caos di quelle devastanti esplosioni”.

Al personale dell’organizzazione benefica per gli animali Nowzad, che ha aiutato a portare animali domestici all’aeroporto in un convoglio di due carri bestiame, infatti, è stato impedito di entrare nell’area controllata dai militari dell’aeroporto di Kabul nonostante gli fossero stati concessi i visti per il Regno Unito, ma, visto che sabato sono terminate le evacuazioni civili dall’Afghanistan, sono riusciti a partire.

Parlando dei membri del suo staff, Farthing ha dichiarato che: “Ho dovuto lasciarli indietro. Alcuni di loro sono venuti con me all’aeroporto ma non gli è stato permesso di attraversare la linea dai talebani al controllo britannico. Sento tante cose. Mi sento molto triste per loro, sono sollevato per me e sono felice per gli animali. Ci sono state molte lacrime quando ci siamo salutati”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.