Agenda digitale, stop a 300 milioni per la Sicilia. Armao: "Congelata delibera di Crocetta" :ilSicilia.it

La mossa della Giunta Musumeci

Agenda digitale, stop a 300 milioni per la Sicilia. Armao: “Congelata delibera di Crocetta”

di
30 Dicembre 2017

Il governo Crocetta aveva approvato l’Agenda digitale, con un plafond di oltre 300 milioni nell’ambito dei fondi Fesr, a ridosso delle elezioni del 5 novembre, la Giunta di Nello Musumeci ha deciso di sospendere quella delibera, varata il 23 ottobre, “perché è necessario fare un approfondimento”, dice l’assessore all’Economia Gaetano Armao, che ha proposto il congelamento del provvedimento.

“Nessun blocco, ovviamente – precisa Armao – Ma è chiaro che certamente non possiamo subire una scelta fatta dal precedente governo pochi giorni prima del voto. Stiamo facendo delle verifiche senza pregiudicare, lo sottolineo, la velocità della spesa che per noi è una priorità”.

Armao contesta la tempistica col quale l’ex governo ha deliberato sull’Agenda digitale. “Proprio il giorno in cui mi sono insediato – rivela – mi hanno informato in assessorato che erano stati appena firmati due contratti da 16 e 12 milioni di euro, obbligazioni che certamente rimangono vincolanti. Nel giro di pochi giorni porterò in giunta la nuova delibera, che sarà condivisa. Il nostro obiettivo di accelerare la spesa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.