Agguato a militante di Forza Nuova: le indagini si concentrano sulla sinistra radicale :ilSicilia.it
Palermo

Perquisizioni sono in corso a Palermo da parte della polizia

Agguato a militante di Forza Nuova: le indagini si concentrano sulla sinistra radicale

di
21 Febbraio 2018

Sarebbero cinque le persone individuate dalla Digos nell’ambito dell’indagine sull’aggressione subita ieri pomeriggio dal segretario provinciale di Forza Nuova di Palermo Massimo Ursino. In questo momento si trovano in Questura; la loro posizione è al vaglio degli inquirenti. La polizia sarebbe arrivata ai presunti responsabili del pestaggio, legati alla “sinistra antagonista“, esaminando le immagini di alcune telecamere della zona. Questa mattina sono stati perquisiti i locali dello studentato “Malarazza” di via Cavour.

Sono in corso indagini anche per scoprire chi c’è dietro la rivendicazione, di chi ieri sera si è attribuito la paternità via e-mail, della vile aggressione subita ai danni del coordinatore provinciale di Forza Nuova.

Il raid punitivo contro Massimo Ursino è stato rivendicato con un comunicato inviato via e-mail a diversi organi di informazione locale:

A pochi giorni dall’arrivo in città di Roberto Fiore, atteso per un comizio in conclusione della campagna elettorale – si legge nella e-mail – Massimo Ursino, uomo di spicco e dirigente nazionale del partito Forza Nuova, è stato colpito in modo esemplare mentre passeggiava per le vie del centro. E’ stato bloccato, immobilizzato e legato con del nastro adesivo, poi lasciato a terra senza possibilità di fuggire“.
Chi afferma che esista una ‘minaccia fascista’, a Palermo come in tutta la Sicilia – prosegue la nota – dovrà ricredersi: questi uomini di poco conto appartenenti a formazioni neofasciste, che fanno di razzismo e discriminazioni il loro manifesto politico nonché la costruzione della loro identità forte e battagliera, si sgretolano in men che non si dica sotto i colpi ben assestati dell’antifascismo“.

Dopo una campagna d’odio seminata dal Gruppo Espresso e seguita da tutta la sinistra inclusa Liberi e Uguali, si scatena l’odio comunista contro Forza Nuova: a Palermo un dirigente Forzanovista è stato colpito sul posto di lavoro, per poi essere legato e vigliaccamente massacrato di botte in dieci contro uno – ha scritto Roberto Fiore, leader di Forza Nuova in una nota – . Invito tutti i militanti di Forza Nuova e tutti gli alleati di Italia agli italiani alla mobilitazione piena per evitare che la violenza comunista unita ai poteri forti soffochi la nostra voce. Siamo tutti con Massimo Ursino, e questo sabato sarò a Palermo” – conclude Roberto Fiore.

La Digos sta lavorando per identificare gli autori del raid, che è stato ripreso con un telefonino da una ragazza che faceva parte del gruppo di aggressori. Le immagini sono particolarmente cruente. Nel video, pubblicato su Youtube, si sente la ragazza che cerca di tranquillizzare i passanti terrorizzati: “Tranquilli, è solo uno scherzo…“. Intanto, perquisizioni sono in corso a Palermo da parte della polizia, e riguardano i locali di uno studentato dove alloggiano alcuni universitari che sono stati accompagnati in questura. La loro posizione è attualmente al vaglio degli investigatori. Durante i controlli sono stati sequestrati anche alcuni oggetti.  Si indaga sugli ambienti della sinistra extraparlamentare, vicina ai cosiddetti centri sociali.

Proprio a seguito delle indagini che la polizia sta portando avanti vi è la dichiarazione di una testimoneElisabetta Alaimo, figlia del titolare del supermercato Maddalena in via Dante, che ha assistito alla terribile scena del pestaggio –  “Massimo Ursino era entrato nel nostro supermercato per fare la spesa. Non appena è uscito è stato aggredito da cinque o sei ragazzi. Lo hanno bloccato mentre aveva ancora in mano il sacchetto della spesa – aggiunge – e lo hanno legato. Poi hanno visto un metronotte e sono fuggiti verso il Politeama“.

A Palermo lo sanno tutti chi sono gli aggressori, anche il sindaco Orlando“, queste le parole di alcuni militanti di Forza Nuova che si sono sfogati davanti al pronto soccorso dell’ospedale Civico dove è stato medicato Massimo Ursino, il dirigente provinciale del movimento di estrema destra che ha riportato ematomi in tutto il corpo e una sospetta lesione alla spalla.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco