Agira, riprese le attività. 'Zona rossa' solo un brutto ricordo | VIDEO :ilSicilia.it
Enna

Parla il sindaco Maria Greco

Agira, riprese le attività. ‘Zona rossa’ solo un brutto ricordo | VIDEO

di
1 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo avere attraversato l’emergenza della pandemia nella dimensione peggiore, quella di ‘zona rossa’, l’amministrazione comunale di Agira programma la sua ripartenza.

A dichiararlo è il sindaco Maria Greco. 

“Abbiamo superato brillantemente l’emergenza sanitaria applicando misure tanto drastiche quanto tempestive per spezzare la catena dei focolai e la diffusione del contagio, a cominciare dalle consegne a domicilio di ogni genere di consumo. Grazie a quei provvedimenti, oggi la vicenda della pandemia è solo un duro ricordo. Continuando a applicare costantemente le regole di sicurezza sanitaria, si tratta adesso di guardare avanti“.

La struttura del’Outlet Village – prosegue Maria Greco – da 10 anni a questa parte dà una forte boccata di ossigeno a un’area economicamente depressa dell’entroterra siciliano come la provincia di Enna. E’ la realtà commerciale più grande del centro-sud  per quanto riguarda questa modalità di vendita nel settore dell’abbigliamento e degli accessori e dal suo avvio si è integrata perfettamente nel tessuto socio-economico di questo territorio, in particolare quello di Agira, dove diverse famiglie vi traggono reddito“. Ma – aggiunge il sindaco – “d’ora in avanti intendiamo puntare di più anche sulle altre attività locali: dalle piccole imprese dell’artigianato, in particolare quelle delle ceramiche artistiche alla ricettività turistica locale”.

Il riferimento è alle abitazioni sparse sul piccolo e antico quartiere che si distende dalla basilica di San Filippo fino alla sommità più alta del paese, di fronte a un panorama a perdita d’occhio di campi e colline, con l’Etna sullo sfondo. Borgo medievale, Agira; ma  dalle origini ben più antiche: a comunicarle, dalla sua sommità, il rudere del Castello, edificato e ripetutamente ricostruito nei secoli sulle probabili fondamenta del palazzo riservato ai sovrani dei Sicani. Inoltre, il paese da 46 chilometri da Enna e a 64 da Catania,  è la patria di Diodoro Siculo, lo storico greco-siceliota autore della monumentale Biblioteca historica.

Come in altri borghi del centro della Sicilia, anche in una realtà come Agira, comune di poco più di 8mila abitanti, il tasso occupazionale resta basso, cosicché molti giovani sono partiti in cerca di lavoro altrove. “Ma ci sono anche quelli che hanno resistito, scegliendo di restare qui per portare avanti attività non solo nell’ambito dell’accoglienza turistica  ma anche in quello agricolo e nell’edilizia“. Settore, quest’ultimo, che nell’attuale fase è assorbito da opere pubbliche: “i 43 cantieri attivi fino a prima del lockdown – conclude Maria Greco – sono stati adesso riaperti tutti“.

 

LEGGI ANCHE:

Outlet Village: ripartono le vendite all’insegna della sicurezza | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin