Agricoltura biologica, la tecnologia per tutelare i prodotti siciliani :ilSicilia.it
Palermo

tracciabilità e marchio registrato

Agricoltura biologica, la tecnologia per tutelare i prodotti siciliani

di
11 Gennaio 2019

Si è svolto a Palermo, nella sede dell’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, un incontro tra l’Associazione nazionale Città del Bio – l’associazione che unisce i comuni e gli enti territoriali che condividono la scelta di promuovere l’agricoltura biologica – e l’Assessore Regionale Edy Bandiera.

Un appuntamento programmato tra l’Assessore e una delegazione composta dal Presidente e vice Presidente di Città del Bio, rispettivamente Antonio Ferrentino e Luigi Ialuna ed i componenti del Consiglio Nazionale dei comuni siciliani, quali Mario Cicero, Sindaco di Castelbuono, Domenico Balsamo, Sindaco di Villafranca Sicula, Giuseppe Oddo, già assessore di Sambuca e presidente del bio-distretto dei Sicani, Luigi Massa, amministratore della società di servizi di Città del Bio e Maurizio Zingales Sindaco di Mirto.

Un incontro per illustrare al rappresentante del Governo regionale la “mission” dell’Associazione in campo nazionale ed in particolare nel territorio siciliano con il sostegno e collaborazione nella costituzione dei bio-distretti ed potenziamento della stessa rete. Territori intesi come comunità locali che promuovono un diverso modello di sviluppo in cui la tutela dell’ambiente, del paesaggio, della salute di tutti gli esseri viventi, la valorizzazione delle tradizioni, dei beni culturali e del ben vivere divengono valori condivisi e collettivamente perseguiti dalle amministrazioni e dai cittadini.

Tra gli argomenti trattati anche la collaborazione tra la Regione e Città del Bio nell’ambito della Rete Europea di Organic Cities Network, dove l’Associazione rappresenta il territorio italiano e a cui partecipano le città globali di Parigi e Vienna, le rappresentanze dei territori quali Parrenco in Croazia, Tartu in Estonia, Vaxjo in Svezia, Correns in Francia, Sceham in Austria, la Rete tedesca delle biostadte (Amburgo, Monaco, Norimberga e altre 10 città).

bandieraInfine si è discusso sulla opportunità, sia per le amministrazioni locali ma soprattutto per le imprese operanti nell’agricoltura, che dà il PSR Sicilia con le misure già avviate e che verranno sviluppate nei prossimi mesi e la volontà da parte dell’Associazione di sviluppare il progetto “Italia del Bio”, un marchio di qualità registrato da parte di Città del Bio, riguardante la tracciabilità dei prodotti agroalimentari. Un sistema tecnologico a garanzia per i produttori di qualità e per i consumatori che avranno modo di leggere l’autenticità del prodotto, con la possibilità di vedere attraverso la piattaforma web e la app mobile documenti, immagini, video e informazioni che riguardano le singole aziende e l’intera filiera.

“Un incontro – ha dichiarato l’Assessore Bandiera – che pone le basi per un rapporto di forte collaborazione che potrà portare a sviluppare progetti comuni a sostegno dell’agricoltura siciliana e tra questi, a breve termini, l’avvio dei distretti del cibo, a regia regionale la cui imminente pubblicazione del decreto porrà le condizioni per essere finanziati dal Ministero dell’Agricoltura”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.