Agricoltura, Coldiretti: "Fondi europei fermi da troppo tempo, la burocrazia è il vero virus" :ilSicilia.it

La denuncia

Agricoltura, Coldiretti: “Fondi europei fermi da troppo tempo, la burocrazia è il vero virus”

di
29 Giugno 2020

 Liquidità e semplificazione delle procedure. Insieme sarebbero la chiave di volta per risollevare un settore come quello agricolo, da molto tempo in forti difficoltà in Sicilia e adesso ancora più azzoppato dagli effetti della recente chiusura delle attività. La burocrazia, che soprattutto in situazioni di urgenza come quella attuale dovrebbe essere snella, è invece come un muro di gomma. E così ci sono 40 milioni di euro di fondi europei, destinati ai produttori del biologico, fermi da anni a causa della mancata cooperazione della regione con la Agea, l’agenzia per l’erogazione dei fondi in agricoltura. Insostenibile paradosso di una Fase 3 all’insegna della lentezza, contro cui Coldiretti punta il dito.

“Mentre le imprese sono costrette a sostenere costi enormi – denuncia il presidente regionale Francesco Ferreri –  siamo ancora al solito stucchevole rimpallo di competenze tra la Sicilia e Roma. Nel frattempo chi ha riconvertito la produzione attende e addirittura rischia di restituire le somme già avute. In questa situazione illogica gli agricoltori non sanno neanche quando questi fondi arriveranno poiché non c’è alcuna certezza”.

Continuare a decelerare la spesa, e complicare le norme vuol dire colpire ancora di più l’agricoltura. In questo macro settore, il comparto florovivaistico è tra quelli che stanno scontano maggiormente la lentezza della burocrazia. “Urgono bandi semplificati e immediati – specifica  Ferreri  – sono indispensabili tutte le azioni per contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso agevolato, attraverso un’ oggettiva valutazione del danno patito dalle aziende agricole in termini di produzioni invendute e cali dei fatturati”.

“A causa del lockdown – ribadiscono alla Coldiretti siciliana  – centinaia di migliaia di fiori e piante sono stati distrutti e la ripresa appare complicata proprio a causa delle pastoie burocratiche.  “Questo al di là delle strutture e dei mezzi che, se solo i fondi arrivassero, potrebbero essere ammodernati e migliorare la produzione “, rimarca Ferreri.

Altro comparto al palo, la zootecnia: era stato richiesto e annunciato un bando. Invece tutto fermo, ancora.
“I ritardi riguardano inoltre  – prosegue il presidente di Coldiretrti Sicilia  – una efficace campagna di comunicazione per  aiutare concretamente il settore agricolo. Da troppi anni le imprese siciliane assistono a annunci di fondi pronti per essere sbloccati. Ma di fatto questo non avviene e gli imprenditori ogni giorno vanno in azienda a combattere una vera e propria guerra. La burocrazia è un altro virus. Non si possono aspettare lustri per ottenere quanto spetta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.