Agricoltura, Coldiretti: "Fondi europei fermi da troppo tempo, la burocrazia è il vero virus" :ilSicilia.it

La denuncia

Agricoltura, Coldiretti: “Fondi europei fermi da troppo tempo, la burocrazia è il vero virus”

di e
29 Giugno 2020

 Liquidità e semplificazione delle procedure. Insieme sarebbero la chiave di volta per risollevare un settore come quello agricolo, da molto tempo in forti difficoltà in Sicilia e adesso ancora più azzoppato dagli effetti della recente chiusura delle attività. La burocrazia, che soprattutto in situazioni di urgenza come quella attuale dovrebbe essere snella, è invece come un muro di gomma. E così ci sono 40 milioni di euro di fondi europei, destinati ai produttori del biologico, fermi da anni a causa della mancata cooperazione della regione con la Agea, l’agenzia per l’erogazione dei fondi in agricoltura. Insostenibile paradosso di una Fase 3 all’insegna della lentezza, contro cui Coldiretti punta il dito.

“Mentre le imprese sono costrette a sostenere costi enormi – denuncia il presidente regionale Francesco Ferreri –  siamo ancora al solito stucchevole rimpallo di competenze tra la Sicilia e Roma. Nel frattempo chi ha riconvertito la produzione attende e addirittura rischia di restituire le somme già avute. In questa situazione illogica gli agricoltori non sanno neanche quando questi fondi arriveranno poiché non c’è alcuna certezza”.

Continuare a decelerare la spesa, e complicare le norme vuol dire colpire ancora di più l’agricoltura. In questo macro settore, il comparto florovivaistico è tra quelli che stanno scontano maggiormente la lentezza della burocrazia. “Urgono bandi semplificati e immediati – specifica  Ferreri  – sono indispensabili tutte le azioni per contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso agevolato, attraverso un’ oggettiva valutazione del danno patito dalle aziende agricole in termini di produzioni invendute e cali dei fatturati”.

“A causa del lockdown – ribadiscono alla Coldiretti siciliana  – centinaia di migliaia di fiori e piante sono stati distrutti e la ripresa appare complicata proprio a causa delle pastoie burocratiche.  “Questo al di là delle strutture e dei mezzi che, se solo i fondi arrivassero, potrebbero essere ammodernati e migliorare la produzione “, rimarca Ferreri.

Altro comparto al palo, la zootecnia: era stato richiesto e annunciato un bando. Invece tutto fermo, ancora.
“I ritardi riguardano inoltre  – prosegue il presidente di Coldiretrti Sicilia  – una efficace campagna di comunicazione per  aiutare concretamente il settore agricolo. Da troppi anni le imprese siciliane assistono a annunci di fondi pronti per essere sbloccati. Ma di fatto questo non avviene e gli imprenditori ogni giorno vanno in azienda a combattere una vera e propria guerra. La burocrazia è un altro virus. Non si possono aspettare lustri per ottenere quanto spetta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin