Agricoltura e fondi europei, l'Ars vota risoluzione | TESTO :ilSicilia.it

L'atto parlamentare

Agricoltura e fondi europei, l’Ars vota risoluzione | TESTO

di
13 Maggio 2021

La Regione Siciliana dice no alla modifica dei criteri di riparto dei fondi del Programma di sviluppo rurale (Psr).

L’Assemblea regionale siciliana ha votato una risoluzione come azione volta a scongiurare la riduzione, per le regioni dei Mezzogiorno, dei fondi assegnati all’Italia nel settore dello sviluppo rurale (Fondo FEASR) per gli anni 2021 e 2022. 

Garantire la coesione territoriale è il primo passo importante per rimuovere gli squilibri economici e sociali già esistenti, e puntare ad uno sviluppo armonico e omogeneo su tutto il territorio nazionale.

Durante i lavori, presieduti dalla vicepresidente dell’Ars, Angela Foti (Attiva Sicilia) e Pippo Compagnone (Popolari ed Autonomisti) presente in videoconferenza Stefano Patuanelli,  ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel governo Draghi, che ha partecipato alla riunione tenuta dalla Commissione Attività produttive di Palazzo dei Normanni.

La Sicilia si appella al Governo centrale perché non sottragga i fondi già programmati per procedere agli investimenti nelle regioni del Mezzogiorno. Risorse che che vanno a beneficio non solo del Sud ma del Paese intero, considerato che molti agricoltori e imprenditori del Settentrione hanno deciso di investire nel Meridione, sapendo di poter beneficiare dell’attuale programmazione.

A Patuanelli si chiede di non bloccare un treno in corsa, che creerebbe un enorme disagio al mondo agricolo siciliano.

 

QUI IL TESTO

Risoluzione_PAC2

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.