Agricoltura e zootecnia, Amata (FdI): "Scel­te Dra­ghi rischiano di penalizzare e­co­no­mia si­ci­lia­na" :ilSicilia.it

LA DICHIARAZIONE

Agricoltura e zootecnia, Amata (FdI): “Scel­te Dra­ghi rischiano di penalizzare e­co­no­mia si­ci­lia­na”

di
7 Giugno 2021

“L’agricoltura e la zootecnia siciliane rischiano di essere fortemente penalizzate dalle scelte del governo nazionale e dai ritardi dell’Unione Europea. La rimodulazione del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) 2021 e 2022, proposta dal ministro Stefano Patuanelli, per quanto di mediazione, stravolge i criteri attuali e sposta parte delle risorse già programmate a favore delle regioni del Nord Italia a danno delle più bisognose regioni del Sud, tra le quali proprio la Sicilia”. Lo dice Elvira Amata, capo gruppo di Fratelli d’Italia all’Ars.

“Le somme del Feasr sono naturalmente destinate a colmare, anche per gli obiettivi di competitività – spiega Amata – il divario tra le aree più ricche ed evolute e quelle più povere e marginali, tra cui rientra la Sicilia. I soldi sono già adesso troppo pochi e ribaltare i parametri oggi in vigore, ritoccando la ripartizione dei fondi Feasr del Psr, spostandoli dal Sud al Nord, andrebbe a incidere profondamente sulla precaria stabilità economica delle regioni del Mezzogiorno”. Dopo il no delle regioni del Sud e dopo la mancata intesa durante la conferenza Stato-Regioni il ministro Patuanelli si è impegnato a portare la proposta in Consiglio dei Ministri.

“Sono passati oltre 10 giorni ma non c’è alcuna notizia – osserva Amata – La pretesa delle regioni del Nord e la proposta Patuanelli rappresentano una chiara e palese violazione del regolamento comunitario, che si trasformerebbe in infrazione, oltre a rappresentare un furto ai danni degli agricoltori del Mezzogiorno che sarebbero gli unici a subire negativamente la mancata approvazione della nuova Pac (Politica agricola comunitaria) e l’applicazione di un periodo di transizione. In un momento così delicato non si possono tagliare fondi a danno dei nostri agricoltori. Per questo, chiediamo che il ministro lasci invariata la dotazione finanziaria, come previsto dal regolamento UE 2220/2020, almeno per tutto il periodo di transizione”.

“Finalmente – sottolinea Gabriella Regalbuto, responsabile provinciale di Messina del dipartimento agricoltura – dopo tanti ritardi, innumerevoli ricorsi e tempistiche incerte il Psr Sicilia ha cominciato a scorrere. Prevedere un taglio alla dotazione significherebbe non avere chiara la crisi in cui versa il nostro comparto agricolo e zootecnico, ulteriormente accentuata – di recente – dai ritardi nei pagamenti e dai nuovi penalizzanti criteri di valutazione dei premi legati alle misure agroambientali. Finché non entrerà in vigore nel 2023 la nuova Pac – conclude – la ripartizione dei fondi deve rimanere immutata, come sancito dal Regolamento che disciplina il periodo di transizione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.