22 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43

L'intervento dell'ex sindaco di Partinico

Agricoltura, Lo Biundo: “Sul rilancio del settore troppe parole, ora bisogna attivarsi”

27 Ottobre 2017

Palermo 27/10/2017 – “Quante parole si sono spese in questi anni sul ruolo dell’agricoltura come settore trainante del nostro sviluppo. Troppe volte le parole sono rimaste tali rendendo difficoltoso per gli operatori del settore riuscire a essere traino del nostro sviluppo”.

Salvo Lo Biundo

Così Salvo Lo Biundo, ex sindaco di Partinico e candidato alle elezioni regionali, ha aperto l’incontro con lavoratori agricoli e rappresentanti di categoria.

Sono convinto – ha proseguito – che tutti i momenti decisionali debbano vedere la partecipazione attiva delle organizzazioni di categoria professionale, insieme alle associazioni e alle imprese, rilanciando ed applicando il principio della concertazione. Rappresentatività dal basso e concertazione sono i pilastri su cui fondare la dimensione territoriale dello sviluppo agricolo. In questo quadro faccio mia la proposta delle categorie professionali di riforma degli enti economici e abolizione di quelli inutili. Bisogna affrontare concretamente il riordino dei Consorzi di Bonifica che devono essere uno strumento capace di aiutare l’agricoltura a competere sui mercati internazionali con costi contenuti, sia per gli agricoltori che per la collettività. Va ripensata profondamente l’ESA (Ente di Sviluppo Agricolo) e gli enti di ricerca devono agire in sintonia con gli operatori del settore e con gli altri organismi statali ed universitari. Se tutte queste condizioni verranno realizzate – ha concluso –insieme a un forte investimento nell’industria di trasformazione, si può con fiducia credere che la nostra regione può avere un PIL adeguato che riesca ad abbattere significativamente la disoccupazione, e quella giovanile in particolare”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.