Agricoltura, via ai nuovi Distretti del cibo siciliano :ilSicilia.it

Lo dice l'assessore Edy Bandiera

Agricoltura, via ai nuovi Distretti del cibo siciliano

di
5 Febbraio 2019

Sono state individuate con un provvedimento dell’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera, le modalità e i criteri per il riconoscimento dei Distretti del Cibo siciliano.

“Uno strumento nuovo e aggregativo volto a promuovere lo sviluppo territoriale, la coesione e l’inclusione sociale, favorire l’integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale, garantire la sicurezza alimentare, diminuire l’impatto ambientale delle produzioni, ridurre lo spreco alimentare e salvaguardare il territorio e il paesaggio rurale”, si legge in una nota dell’Assessorato regionale.

Potranno costituirsi in “Distretto“, prosegue la nota, gli imprenditori agricoli, singoli o associati, le imprese che operano nel settore agricolo e agroalimentare, le societa’ cooperative, le organizzazioni di produttori, le imprese addette alla trasformazione, distribuzione e commercializzazione ma anche associazioni di categoria, imprese del settore ittico e della pesca ed ancora enti locali, imprese che operano nel settore della ricettività turistica, organizzazioni che operano nel settore della promozione del territorio ai fini della valorizzazione del patrimonio monumentale, naturale e paesaggistico, Gruppi di Azione Locale ed enti pubblici.

Denominatore comune, fare sistema nei territori per valorizzarne non soltanto le migliori produzioni agricole, ma l’intero indotto che ruota intorno ad un territorio: ricettività turistica, percorsi enogastronomici, storia, arte e cultura. “Per essere competitivi e contrastare la concorrenza dei mercati globalizzati – spiega Bandiera -, quello che occorre è realizzare una rete di sistema attorno al distretto del cibo, capace di potenziare e sviluppare l’intero indotto che ruota attorno al territorio”.

Così come previsto dalla norma finanziaria dello Stato, che istituisce il modello dei “Distretti del Cibo”, una volta individuati i soggetti facenti parte del Distretto, questi dovranno sottoscrivere un “Accordo di Distretto”, finalizzato a rafforzare la promozione, la sostenibilità ambientale e la crescita socio economica dell’intero Distretto.

L’Assessorato Agricoltura emanerà, a breve, un avviso per il riconoscimento dei Distretti, i quali, una volta riconosciuti, verranno inseriti nel Registro nazionale dei Distretti del Cibo, istituito presso il MIPAAFT (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo). Ciò consentirà di accedere, attraverso bandi nazionali, al finanziamento, con fondi statali, di progetti di valorizzazione dei territori.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.