Agrigento: addio a Piero Macedonio, il medico che "lanciò" Angelino Alfano :ilSicilia.it
Agrigento

Aveva 72 anni

Agrigento: addio a Piero Macedonio, il medico che “lanciò” Angelino Alfano

di
17 Novembre 2019

È morto ieri a 72 anni Piero Macedonio, stroncato in poche ore da un improvviso aggravamento delle sue condizioni di salute, da qualche tempo precarie. Unanime e commosso il cordoglio nel capoluogo Agrigentino, con numerosi attestati di stima anche da parte degli avversari politici che ne riconoscono l’impegno per la città, la competenza e l’onestà intellettuale.

Ho la colpa di avere lanciato Angelino Alfano, Dio non me lo perdonerà“.

Con questa fulminante battuta, nello scorso gennaio, Piero Macedonio aveva lasciato la sua carica di presidente cittadino di Forza Italia, sbattendo la porta senza risparmiare stilettate polemiche al suo concittadino Roberto Di Mauro, vicepresidente dell’ARS e al commissario regionale del partito, l’attuale presidente dell’Assemblea regionale Gianfranco Miccichè.

Era fatto così, non le mandava a dire questo medico di talento, conosciuto da tutti ad Agrigento, città di cui è stato anche  amministratore.

Per oltre un trentennio ha diviso la sua vita tra i pazienti dello studio e l’attività politica, ricevendo da quest’ultima forse più delusioni che successi. Prima nel Partito Socialista, poi in Forza Italia, aveva sempre fatto sentire la sua voce attoriale e fuori dal coro nel dibattito politico e sociale della città dei templi: mai banale, spesso controcorrente, quasi sempre lontano dalla stanza dei bottoni.

Il mio sottogoverno è in questo ambulatorio”, aveva affermato alcuni mesi fa nell’ultima profetica conferenza stampa, tenuta nella sala d’attesa del suo studio medico “qui detengo tutto il mio potere – spirituale, s’intende – che non può essere eguagliato da nessun incarico politico”.

 

I funerali si svolgeranno domani, lunedì 18 novembre, alle 16 nella chiesa di San Gregorio in contrada Cannatello (Agrigento).

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.