Agrigento-Caltanissetta l'auspicio di Conte: "Possiamo chiudere entro giugno 2020" :ilSicilia.it
Caltanissetta

L'auspicio dei due componenti del governo

Agrigento-Caltanissetta, Conte e Toninelli in Sicilia: “Possiamo chiudere entro giugno 2020”

di
12 Marzo 2019

Abbiamo fatto un incontro tecnico per capire a che punto siamo arrivati con questa importante infrastruttura per la Sicilia, per il Sud e per l’Italia. Per me non esiste Nord e Sud quando parliamo di infrastrutture. Confermo che sono stati riavviati i lavori, se riusciamo a farli procedere possiamo chiudere a giugno 2020“. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, visitando insieme al ministro Danilo Toninelli il cantiere della Agrigento-Caltanissetta. Il Presidente del Consiglio e il titolare del Dicastero sono arrivati in Sicilia per inaugurare i lavori sulla strada statale.

Non siamo qui per fare miracoli ma per portare il nostro impegno perché inizino i lavori. La SS640 è un’infrastruutura strategica per la Sicilia. Ci sono problemi giuridici complessi ma il governo farà di tutto con i commissari e i giudici fallimentari di Ravenna“.  “Vogliamo che la Regione faccia la sua parte – ha aggiunto Conte – Noi faremo di tutto perché abbiamo un obiettivo ben preciso: giugno 2020“.

Sui lavori per la realizzazione dell’opera è intervenuto anche il ministro Toninelli: “Ho voluto fortemente iniziare questo tour dei cantieri dalla Sicilia perché ritengo che questa sia una delle grandi opere utili più importanti che abbiamo in Italia. Abbiamo incontrato i rappresentanti delle imprese affidatarie che sono imprese siciliane, che danno lavoro a centinaia di persone e fanno vivere centinaia di famiglie“, ha detto Toninelli.

La mia presenza e quella del premier non ha solo un significato simbolico, ma effettivo, sostanziale. Qua ci siamo bloccati nel settembre 2018 e lo abbiamo sbloccato parzialmente ma nei prossimi giorni convocheremo un tavolo al Mise per sbloccare totalmente l’opera. Se c’è una strada, anche se molto stretta, per risolvere i problemi la percorreremo insieme“, ha concluso il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.