Agrigento, il neo sindaco Franco Micciché nomina la giunta comunale :ilSicilia.it
Agrigento

le scelte

Agrigento, il neo sindaco Franco Micciché nomina la giunta comunale

di
29 Ottobre 2020

Il neo sindaco di Agrigento Francesco Micciché ha nominato gli assessori che comporranno la sua giunta e ha distribuito loro le deleghe. I componenti della Giunta, escluso il primo cittadino, sono nove.

Polizia Municipale, politiche per la sicurezza e l’emergenza Covid sono rimaste in capo al primo cittadino. Vicesindaco è stato nominato Aurelio Trupia, che ha ricevuto la delega al Bilancio e alla Nettezza Urbana. A Roberta Lala, di Vox Italia, invece, le Pari Opportunità, l’Anagrafe e la Tutela degli animali. A Gianni Tuttolomondo di Diventerà Bellissima le Politiche del governo del territorio,Pianificazione urbanistica e gestione del territorio.

A Nino Costanza Scinta di Forza Italia vanno le Infrastrutture, la Gestione e lo sviluppo della Mobilità dei trasporti, la Sicurezza Stradale, l’Edilizia Scolastica e i rapporti con l’Ente Parco. A Costantino Ciulla di Fratelli d’Italia, invece, lo Sport e la Cultura. A Gerlando Principato (Facciamo Squadra) l’edilizia urbana e privata, la Programmazione dei fondi strutturali 2021-2026 e le politiche energetiche.

A Marco Vullo di Uniti per la Città sono andate le Politiche sociali, l’Associazionismo,Volontariato e le Politiche attive del lavoro, mentre a Giovanni Vaccaro di Cambiamo Rotta l’Igiene e Sanità Pubblica, il Coordinamento con le relazioni con l’Asp provinciale e delle attività di indirizzo in capo al Comune verso l’Azienda, Verde Pubblico, Decoro Urbano, Impianti Cimiteriali. A Franco Picarella di Facciamo Squadra, infine, sono andate le deleghe al Turismo, allo Sviluppo Economico e alla promozione del territorio, alla Tutela delle tradizioni, all’agricoltura, all’artigianato e ai mercati, al piano per il commercio e al Suap.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin