Agrigento: "Il Provveditorato non garantisce le cattedre ai docenti di sostegno" :ilSicilia.it
Agrigento

La nota dell'associazione “Insieme per il sostegno”

Agrigento: “Il Provveditorato non garantisce le cattedre ai docenti di sostegno”

7 Settembre 2019

Il 3 Settembre scorso, l’Ufficio Scolastico territoriale di Agrigento ha pubblicato il calendario per le convocazioni a tempo determinato per l’anno scolastico 2019/2020 per la scuola dell’infanzia e primaria su posti di sostegno, precisando che il numero dei convocati sarebbe stato in numero maggiore rispetto alla disponibilità dei posti.

L’elenco definitivo dei docenti in graduatoria e in possesso della specializzazione per il sostegno è composto da 10 docenti per infanzia e 23 per primaria. Successivamente, in data 6 Settembre, sono state rese pubbliche le sedi disponibili per la provincia di Agrigento: 7 i posti per infanzia sostegno e ancora peggio la situazione per i docenti di primaria le cui uniche sedi disponibili sono 7 posti a Lampedusa.

Da una ricerca fatta solo sul territorio di Sciacca sono stati individuati altri posti liberi, sia per infanzia che per primaria sostegno, già comunicati da ogni Istituzione scolastica presente nel territorio al Provveditorato di Agrigento.

 “Questa è una decisione che lede la professionalità dei docenti specializzati su sostegno e soprattutto i diritti degli alunni disabili. Auspichiamo che vengano resi disponibili tutti i posti in provincia di Agrigento affinché possa essere garantito il diritto al lavoro dei docenti precari così come previsto dalla legge” – così si legge in una nota rilasciata dal direttivo dell’associazione “Insieme per il sostegno”, di cui fanno parte le insegnanti specializzate siciliane e le famiglie dei bambini disabili.

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.