Agrigento, ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri: eletti i consiglieri :ilSicilia.it
Agrigento

LE PAROLE DEL NEOPRESIDENTE PITRUZZELLA

Agrigento, ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri: eletti i consiglieri

di
4 Novembre 2020

Ieri  alle ore 18,30, dopo le elezioni tenutasi dal 22/10/2020 al 26/10/2020 degli organi statuari dei medici chirurghi ed odontoiatri, sono stati convocati i consiglieri eletti sia dei medici che degli odontoiatri nonchè i consiglieri eletti revisori effettivi e supplenti. Il Neo Presidente Dott. Santo Pitruzzella ringrazia tutti i convenuti e delinea in sintesi il programma che seguirà al suo insediamento nel gennaio 2021:

Per la fiducia accordatami, sarò’ il presidente di tutti gli iscritti dell’ordine dei medici, ringrazio tutti i colleghi. Questo consiglio, come avevamo scritto nel programma , è rappresentativo di tutte le diverse espressioni del mondo medico e l’elemento unificante deve essere costituito dalla difesa dell’autonomia e dell’indipendenza di una professione sempre più esposta ai condizionamenti di chi gestisce  l’organizzazione della sanità pubblica, privata,  accreditata. L’ordine , ente pubblico non economico, deve svolgere pienamente il ruolo di ente sussidiario dello stato, di  garante del codice deontologico. l’ordine deve operare in una duplice direzione: far sentire la propria voce su tutti i temi che riguardano la professione e  assolvere  in modo preponderante al ruolo di garante della qualità della salute  dei cittadini.

Dichiara ancora: “ Tutela dei diritti del malato significa infatti tutela dei medici che esercitano la professione con serietà, dedizione, passione e consapevolezza. Ciò è ancor di più necessario nella difficile situazione emergenziale che stiamo vivendo, in cui tutti i riflettori sono puntati sulla professione medica. In questo particolare periodo bisogna svolgere un importante ruolo di orientamento e informazione. Obiettivo di questo consiglio deve essere quello di riportare l’ordine alla sua originaria funzione di essere casa di tutti, in cui ogni iscritto si senta parte integrante e protagonista”.  

Infine Pitruzzella dichiara il suo costante impegno e la sua immensa gratitudine per chi lo affiancherà in questo nuovo percorso: “Ciò che vi chiedo è unità e coesione, solo cosi potremo rivendicare la piena dignità della nostra categoria spesso bistrattata. Con l’auspicio di una piena realizzazione degli obiettivi che ci siamo prefissati e di una proficua collaborazione da parte di tutti vi ringrazio e vi porgo cordiali saluti”.

IL NUOVO ORGANIGRAMMA

PRESIDENTE DOTT SANTO PITRUZZELLA

VICE PRESIDENTE DOTT PIETRO LUPARELLO

SEGRETARIO DOTT GIUSEPPE AMICO

TESORIERE DOTT GINO CACCIATORE

CONSIGLIERI

DOTT GERALDO ALONGI

DOTT MICHELE BOTTA

DOTT LUIGI BURRUANO

DOTT SALVATORE CASA’

DOTT PIETRO CURELLA

DOTT PACHITO DANILE

DOTT SALVATORE DI ROSA

DOTT GIUSEPPE FERRARO

DOTT CETTINA GIAMBRONE

DOTT CARMELO GRACEFFA

DOTT GIUSEPPE GUELI

DOTT PUMA LEONARDO

DOTT LEONARDO RUSSO

REVISORI:

DOTT FABIO NAVARRA

DOTT FABRIZIO RABITA

REVISORI SUPPLENTE

DOTT GIUSEPPE MASCARELLA

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin