Agrigento: reddito di cittadinanza alla famiglia del killer di Livatino :ilSicilia.it
Banner Bibo
Agrigento

revocato il bonus, disposto il recupero di 110mila euro

Agrigento: reddito di cittadinanza alla famiglia del killer di Livatino

di
19 Novembre 2020

La guardia di finanza di Agrigento ha scoperto altri otto ‘furbetti’ del reddito di cittadinanza: tra le famiglie che percepivano il sussidio indebitamente anche quella di uno degli esecutori dell’omicidio del magistrato Rosario Livatino, ucciso in un agguato scattato il 21 settembre del 1990 sulla Statale 640 mentre si recava in tribunale.

L’inchiesta della procura di Agrigento guidata da Luigi Patronaggio è coordinata dal sostituto Gloria Andreoli e ha visto il sequestro di otto social card utilizzate per fruire del reddito di cittadinanza, che si aggiungono ad altre undici già revocate nei giorni scorsi.

I titolari sono tutti indagati a piede libero per indebita percezione del sussidio che, a norma di legge, è concesso solo in presenza di alcuni requisiti che devono essere autocertificati dal richiedente: tra questi, oltre alle difficolta’ economiche, anche l’assenza di misure cautelari personali o di condanne per reati gravi sia da parte di chi richiede il reddito di cittadinanza che da parte dei componenti del suo nucleo familiare.

Tra gli otto indagati, invece, figurano persone sottoposte a detenzione per associazione mafiosa, traffico di droga e furto. Gli otto nomi sono stati segnalati all’Inps per la revoca del Reddito di cittadinanza e il recupero delle somme già erogate: il danno accertato per le casse dello Stato e’ di circa 110mila euro.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin