Agrigento ed Enna verso la soluzione dell'emergenza rifiuti. Savarino: "Un plauso a Musumeci" :ilSicilia.it
Agrigento

Annunciate importanti novità a partire dai prossimi giorni

Agrigento ed Enna verso la soluzione dell’emergenza rifiuti. Savarino: “Un plauso a Musumeci”

di
3 Agosto 2018

Nel giro di un paio di giorni la provincia di Agrigento potrebbe uscire definitivamente dall’emergenza rifiuti.

Grazie al lavoro di raccordo col territorio della presidente della Commissione ambiente dell’Ars Giusi Savarino che ha prontamente sottoposto il problema all’attenzione dell’assessore Pierobon e del dirigente Cocina, e grazie all’intervento tempestivo del presidente della Regione Nello Musumeci, sono state sinergicamente individuate diverse soluzioni che possano non solo garantire di superare l’emergenza, ma anche premiare i comuni virtuosi.

Tra queste, è stata finalmente sbloccata la discarica pubblica di Enna, dove da lunedì si potrà conferire i rifiuti. La stagione estiva può dunque continuare senza preoccupazioni per la salute dei turisti e dei cittadini.

“Un plauso va al presidente Musumeci – dichiara Giusi Savarino – che grazie alla sua capacità amministrativa ha saputo dare una svolta a una grave situazione di disagio. Sono orgogliosa di essere parte di questa svolta che segna un cambiamento, da troppo tempo atteso dai siciliani e finalmente arrivato”.

un momento del sopralluogo di Musumeci a Cozzo Vuturo (Enna)E proprio sulla riapertura dell’impianto pubblico per i rifiuti di Cozzo Vuturo nel Comune di Enna, interviene Nello Musumeci, che ieri ha firmato l’ordinanza che dispone la riapertura del sito a distanza di oltre cinque anni dalla sua chiusura. A gestire l’impianto, che può trattare fino a 150 tonnellate di rifiuti al giorno, sarà la società Aet, formata da tutti i Comuni dell’Ennese.

Il provvedimento, predisposto dall’assessorato regionale dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità, consentirà agli enti locali della zona notevoli economie nei costi di trasporto, in quanto attualmente la discarica utilizzata è quella di Lentini, in provincia di Siracusa. Il successivo passo della strategia del governo regionale sarà quello dell’apertura del nuovo impianto Tmb e della vasca B2, limitrofa a quella autorizzata oggi.

«Cozzo Vuturo – afferma Musumeci – rappresenta un’essenziale valvola di sfogo strategica in questo grave momento, che consentirà una migliore redistribuzione dei rifiuti nell’Isola con un’ottimizzazione del servizio. Voglio ringraziare l’assessore Alberto Pierobon, il dirigente generale Salvo Cocina e il presidente della Srr Armando Glorioso per la collaborazione e lo sforzo profuso per ricondurre a piena operatività le strutture dell’Ato di Enna».

Il governatore, per verificare personalmente la situazione, aveva effettuato un sopralluogo nella discarica nello scorso mese di aprile, assicurando celerità nello sblocco delle procedure autorizzative.

 

(Nella foto, un momento del sopralluogo di Musumeci a Cozzo Vuturo nello scorso aprile)
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.