Ai domiciliari per peculato l'ex presidente Coni di Ragusa | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Ragusa

"Time out" per Rosario Cintolo, adesso agli arresti domiciliari

Ai domiciliari per peculato l’ex presidente Coni di Ragusa

di
12 Gennaio 2017
rosario-cintolo-600x300

“Time out” per Rosario Cintolo, ex presidente e delegato provinciale del Coni di Ragusa. L’ex Presidente del Coni è stato infatti raggiunto da un provvedimento disposto dal GIP, a conclusione di indagini sulla gestione dei contributi messi a disposizione della Scuola Regionale dello Sport nel periodo 2006-2012 dalla Regione Siciliana. Cintolo si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di peculato, insieme a un altro indagato. La Guardia di Finanza – che ha passato al setaccio i contributi erogati dalla Regione Siciliana in favore del CONI di Ragusa – sta eseguendo un sequestro di beni per un valore di 600 mila euro.

A dare l’allarme, facendo partire le indagini, sarebbe stato il responsabile dell’Ufficio Vigilanza del CONI nazionale, presentando un esposto-denuncia, segnalando la presenza di alcune anomalie contabili sulle rendicontazioni che il Comitato Provinciale di Ragusa inviava periodicamente al nazionale.

Agli indagati viene contestata anche l’accensione di un conto corrente “ombra”, non autorizzato e non conosciuto dal CONI Nazionale, nel quale convogliavano i finanziamenti regionali.

“Una gestione personale e disinvolta degli indagati – sostengono le Fiamme gialle – che, attraverso prelievi fatti sia con assegni che per contanti, svuotavano sistematicamente il conto corrente creato ad hoc, utilizzando i fondi pubblici da destinare alle attivita’ sportive per fatti privati e per l’acquisto di auto, imbarcazioni e altro”.

Gli investigatori hanno anche scoperto “una doppia rendicontazione dei costi”, una inviata al Comitato Nazionale di Roma, l’altra trasmessa all’assessorato regionale.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.