Ai nastri di partenza la IX edizione di Naxoslegge, il festival delle narrazioni :ilSicilia.it

Dal 31 agosto

Ai nastri di partenza la IX edizione di Naxoslegge, il festival delle narrazioni

di
19 Agosto 2019

Ai nastri di partenza la IX edizione di Naxoslegge, il festival delle narrazioni, ideato e diretto da Fulvia Toscano.

Il tema della edizione 2019, “Le opere e I giorni. Storie di uomini, donne, popoli e memorie“, è La Storia o meglio, come sottolinea il direttore artistico, “la necessità della Storia”.

Confermati i premi ai promotori della lettura e della cultura (31 agosto al lido di Naxos), Comunicare l’antico (1 settembre, al Parco archeologico di Naxos), La tela di Penelope, ai saperi delle donne, coordinato da Marinella Fiume ( 22 settembre, Castello Ruffo di Scaletta Zanclea).

Tantissimi gli ospiti, chiamati, in vario modo a declinare il complesso tema della necessità della Storia: da Vittoria Alliata a Lorenzo Braccesi, da Guido Melis e Marco Gervasoni a Elena Aga Rossi, da Giovanna Fiume a Eugenio Capozzi, da Daniele Tranchida, ora membro del Consiglio superiore del MIUR, a Raoul Pupo, da Danilo Breschi a Giuseppe Parlato, da Luca Gallesi a Giorgio Galli.

Spazio al romanzo storico con Giuseppe Conte, Gabriele Marconi e Giovanna Strano.

Vuoti di memoria” con Davide Brullo, affronterà il tema degli autori “oltraggiati” dalla Storia. Con Flaminia Cruciani sarà un viaggio tra archeologia e poesia. Salvo Palazzolo e Fabio Granata interverranno su temi connessi alla legalità, con un omaggio a Paolo Borsellino.

Spazio al grande cinema d’autore, con un omaggio ai cinquantanni della Medea di Pasolini, ai costumi di Tosi, da poco scomparso, nella splendida Villa Garbo, dimora della “divina” nei suoi soggiorni siciliani .

La sezione In vino veritas, sarà ospitata nel cartellone dello storico evento ViniMilo, con due  appuntamenti, con Rino Bianchi e Laura Pepe.

Si conferma la sezione Sguardi a Oriente, coordinata da Sakiko Tamako Chemi, che vedrà, per questa edizione, una serie di incontri dedicati al vicino Oriente, anche in ordine all’anniversario dei quaranta anni dalla rivoluzione islamica in Iran, con la partecipazione del reporter Sebastiano Caputo.

In un festival dedicato alla Storia, ovviamente, non può non trovare posto il ricordo di altri importanti anniversari, che saranno “raccontati” dagli studenti del liceo Caminiti di Giardini Naxos che rimane punto di riferimento centrale, anche per il grande coinvolgimento di giovani che, da sempre, connota Naxoslegge.

Oltre agli incontri con i diversi ospiti, sopra citati, saranno, per studenti e docenti dei laboratori di Storia, anche con una apertura verso discipline affini e complementari, dalla filosofia della storia alla antropologia, dalla archeologia alla storia delle istituzioni etc, in collaborazione con gli Atenei siciliani e non solo, con la presenza di specialisti e studiosi delle diverse aree di ricerca: Alfio Seminara, Stefania Mazzone, Katia Ingoglia, Marco Olivieri, Raffaele Manduca, Rossella Faraone, Luigi Mongitore, Mario Bolognari, Giuseppe Gembillo, Giacomo Dugo, Giancarlo Germanà, Maria Concetta Calabrese, Michele Limosani.

Nel fitto programma c’è posto anche per un seminario laboratorio di vocalità antica, a cura di Raffaele Schiavo, ospitato presso la Abbazia dei SS.Pietro e Paolo d’Agrò, uno dei monumenti di maggiore pregio dell’ Alto Medioevo siciliano.

Per i più piccoli Naxoslegge per questa IX edizione ha ideato il progetto “Una piazza, una storia” che, grazie ad una sorta di “Bibliobus” sui generis porterà libri e scrittori per ragazzi nelle piazze di Giardini Naxos, in collaborazione con AGE di Giardini Naxos. In questa occasione, in collaborazione con il progetto CAO di Giardini sarà effettuata una raccolta di libri destinati ai reparti pediatrici degli ospedali siciliani.

Gli eventi, come di consueto, avranno una diffusione in diversi luoghi, coinvolgendo diverse città, da Messina a Catania, ad Augusta dove la referente di Naxoslegge, Mariada Pansera, accoglierà diversi ospiti del festival. Come di consueto saranno coinvolti diversi contesti da Taormina a Letojanni, da Scaletta a Casalvecchio siculo, da Messina a Catania, da  Mascali a Capo d’Orlando etc.

Domenica 29 settembre sarà proposto il progetto Archivi aperti che coinvolgerà le città di Ali terme, Patti e Taormina, con la collaborazione di comuni ed Enti, tra cui Taormina Arte.

In conclusione, il 30 settembre, si chiude con un omaggio a Renzo De Felice, affidato al professore Giuseppe Parlato, presidente della Fondazione Spirito-De Felice.

Tante, come sempre, le sinergie che Naxoslegge sviluppa sui diversi territori, oltreché con i Comuni e col Parco archeologico di Naxos-Taormina,  con associazioni, come Archeoclub, AICC, la Associazione Città plurale, la Fondazione Piccolo di Calanovella, la Fondazione Taormina Arte, Latitudini, Altra meta’, Cultura Aetnae, Mascali 1928, Fidapa di Messina Capo Peloro, MUST Musco teatro di Catania, solo per citarne alcune, mentre sono in corso di definizione tante altre preziose collaborazioni che contribuiranno ad arricchire l offerta culturale per l’ intero mese di settembre.

Il nostro festival -afferma Fulvia Toscano conferma con soddisfazione, il percorso intrapreso dalla I edizione, ovvero di proporre una idea militante della cultura, che miri, in un’ottica di vero pluralismo, un confronto serrato con la contemporaneità, volgendo uno sguardo consapevole, anche politicamente scorretto, se necessario, al passato. Divulgare con precisione e metodo. Il tutto in piena libertà, auto prodotti, come sempre“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.