"Aim Saraswatī, il sacro fluire di Shakti", a Palermo un laboratorio di meditazione :ilSicilia.it
Palermo

Si terrà al Centro Yantra e sarà condotto da Alberto Samonà

“Aim Saraswatī, il sacro fluire di Shakti”, a Palermo un laboratorio di meditazione

di
6 Aprile 2019

A Saraswati, Dea indiana della conoscenza e delle arti, della creatività e delle acque, è dedicato “Aim Saraswatī, il sacro fluire di Shakti”, laboratorio di meditazione condotto da Alberto Samonà, che si svolgerà sabato 4 maggio 2019 nei locali dell’associazione Yantra, in via Vincenzo Di Marco 45 a Palermo.

Per pre-iscriversi occorre inviare, entro il 12 aprile, una mail all’indirizzo albertosamona1@gmail.com, indicando nome, cognome, data di nascita e recapito telefonico. Costo 55 euro (comprensivo di tessera Arci). Posti limitati. Chi si sarà pre-iscritto, potrà quindi completare l’iscrizione, versando la quota di partecipazione.

Questi gli orari: Sabato 4 maggio: 9,00 / 13,00 e 15,00 / 20,00.

Aim è il mantra associato a Saraswati, che indica la coscienza. Questa Dea è anche la sposa di Brahma e ne costituisce la Shakti. È perciò espressione del Principio Femminile, la cui energia genera il movimento e il fluire dell’essere. Per questa ragione, Saraswati è anche il nome del più grande dei fiumi, che proviene dal cielo e fa sgorgare le proprie acque sulla terra. Il suono di Saraswati è sacro poiché anch’esso è di provenienza divina e la parola che se ne trae è vivificante e libera. Coscienza, creatività, movimento ed energia sono le peculiarità in grado di trasformare l’essere.

Nel corso del laboratorio, promosso dall’Associazione Yantra, in collaborazione con Āgama Śāstra, si lavorerà su Shakti, mediante lo studio e la pratica dei mantra corrispondenti e delle posizioni associate a Saraswati, sotto il segno del Femminino Sacro. Alle sessioni di meditazione e alla pratica dei mantra, si affiancheranno movimenti del corpo e momenti di scambio, pensati per alternare a un esercizio personale, lo sviluppo di spazi di condivisione fra i partecipanti. La pratica di alcune asana contribuirà all’attivazione dei processi energetici e vitali associati al mito della Dea.

Alberto Samonà (1972), giornalista e scrittore, è direttore responsabile de ilSicilia.it. Ha tenuto diversi laboratori sul corpo, sull’energia e seminari di meditazione, associata alla parola verbale e a quella scritta. Con l’Associazione Yantra ha tenuto il laboratorio “Tantra. Lo Yoga di Vāc”. Ha pubblicato libri ispirati a tematiche simboliche e alla conoscenza di sé: “Le colonne dell’eterno presente” (2001), “La Tradizione del sé” (2003), “Il padrone di casa” (romanzo 2008), “Giordano Bruno nella cultura mediterranea e siciliana dal ‘600 al nostro tempo” (2009), “Bent Parodi. Tradizione e Assoluto” (2011). “È già mattina” (romanzo 2013). Ha curato i testi “Panormus, Genio oltre il visibile” (2015), “I colori di Śiva – Racconti e storie Tantra (2017). Ha scritto e diretto testi teatrali e di narrazione, legati alla conoscenza interiore e simbolica.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro