Aiuole, panchine e giochi: il progetto "Gallo garden" a Ballarò finito nel dimenticatoio | Foto :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia dell'associazione comitati civici Palermo

Aiuole, panchine e giochi: il progetto “Gallo garden” a Ballarò finito nel dimenticatoio | Foto

di
7 Aprile 2019

Guarda la gallery in alto

Aiuole, panchine e giochi questo era inizialmente il progetto “Gallo Garden” per fare rinascere Vicolo Gallo proprio dentro il quartiere Ballarò a Palermo.

Che fine ha fatto questo progetto? Da maggio 2018, da quando è stata fatta l’inaugurazione, spenti i riflettori sembra essere finito tutto nel nulla.

Ci dispiace dover documentare sempre più spesso quello che succede dopo l’inaugurazione di opere che sembrano belle e meritorie, in questa nostra sfortunata città” denunciano dall’associazione Comitati civici Palermo.

Avevamo letto con soddisfazione la creazione di un orto urbano in vicolo Gallo a Ballarò, per la gioia soprattutto dei più piccoli. Articoli sui giornali, le foto di rito e poi siamo andati a curiosare dopo quasi un anno dall’inaugurazione di questo giardino” continuano dall’associazione.

Il sito è abbandonato, è diventato un deposito di sfabbricidi e ingombranti, ricoperto da sterpaglie. Dell’orto nessuna traccia. Cosa è successo? Possibile che tutto venga abbandonato appena si spengono i riflettori?” concludono.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.