Aiuti post emergenza Covid per la pesca, Scilla: "Contributi per 800 imbarcazioni" :ilSicilia.it

a breve la graduatoria

Aiuti post emergenza Covid per la pesca, Scilla: “Contributi per 800 imbarcazioni”

di
19 Aprile 2022

È in fase di pubblicazione la graduatoria definitiva della misura 1.33 “Arresto temporaneo attività di pesca – emergenza Covid” a sostegno degli operatori della pesca siciliani.
«In arrivo l’aiuto economico alle oltre ottocento imbarcazioni da pesca siciliane che hanno dovuto scontare la crisi generata dalla pandemia». A darne notizia è Toni Scilla, assessore regionale all’agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea. La graduatoria sarà pubblicata a breve sul portale della Regione Siciliana, nella sezione dipartimento Pesca mediterranea.

«Si tratta di un sostegno complessivo di circa 4 milioni di euro, che sarà commisurato alle giornate di arresto temporaneo dell’attività e alla stazza del peschereccio – spiega il rappresentante del governo Musumeci – e che mediamente porterà agli armatori dai 5 ai 10 mila euro per imbarcazione. Si tratta di risorse che si aggiungono ai 15 milioni di euro già erogati dalla Regione, attraverso il Fondo di coesione (FSC)». Le risorse utilizzate provengono dalla riprogrammazione del Programma Operativo FEAMP 2014-2020.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.