"Aiuto, mio marito mi picchia": donna in lacrime in corso dei Mille, arrestato 37enne :ilSicilia.it
Palermo

accade a palermo

“Aiuto, mio marito mi picchia”: donna in lacrime in corso dei Mille, arrestato 37enne

6 Ottobre 2019

L’ennesima lite in casa, le urla, le lacrime. Si è conclusa con l’arresto di un palermitano di 37 anni la folle notte vissuta ieri in un appartamento di corso dei Mille. La polizia ha fermato l’uomo, che “vanta” dei precedenti, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni gravi e minacce. Gli agenti appartenenti al commissariato di Brancaccio sono intervenuti dopo una telefonata alla linea di emergenza “113”. “Una donna – ricostruiscono dalla questura – ha riferito di essere stata cacciata di casa assieme a uno dei loro figli piccoli, dopo una violenta lite avuta con il proprio marito“.

Giunti sul posto i poliziotti hanno notato la donna in strada. “Era in lacrime – spiegano – e con accanto il figlio ha raccontato come poco prima tra lei e suo marito fosse scaturita l’ennesima lite a causa della morbosa gelosia dell’uomo. La donna ha inoltre aggiunto che, al momento in casa oltre al marito, che in quel momento era ubriaco, c’erano tutti e tre figli (minorenni). I poliziotti sono poi saliti in casa, dove c’erano i bambini, visibilmente impauriti. Una bimba aveva un cerotto al naso. Il 37enne, anche in loro presenza, ha continuato a inveire contro la moglie, minacciandola“.

Dopo aver riportato la calma nell’abitazione e accompagnato l’uomo all’esterno dell’appartamento, i poliziotti hanno appreso dalla donna che nel corso degli anni erano stati numerosi gli episodi di violenza subìti dalla vittima “che ha specificato – dicono dalla questura – come i litigi finivano per degenerare in minacce di morte e violenze fisiche, tali da costringerla spesso a ricorrere alle cure mediche. Inoltre la donna ha aggiunto che la rottura del setto nasale subìta da una delle figlie minori sarebbe stata provocata dal marito durante l’ennesima lite avvenuta, soltanto tre giorni prima. In quell’occasione l’uomo avrebbe scagliato una bottiglia di vetro all’indirizzo della moglie, colpendo però la figlia che si era frapposta tra loro per fare da scudo alla madre. Al pronto soccorso poi il padre avrebbe giustificato l’accaduto riferendo che la bambina era stata vittima di un incidente stradale“. Il 37enne, denunciato dalla moglie, è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni gravi e minacce.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.