Akrai entra nel Parco archeologico di Siracusa. Samonà: "Giusto tributo alla memoria storica della Sicilia" :ilSicilia.it
Siracusa

Decreto firmato oggi

Akrai entra nel Parco archeologico di Siracusa. Samonà: “Giusto tributo alla memoria storica della Sicilia”

di
21 Luglio 2020

Palazzolo Acreide, uno dei poli del barocco siciliano, recupera la sua dignità storica con l’inclusione dell’area archeologica di Akrai nel Parco archeologico di Siracusa, che da oggi cambia nome. Si chiamerà infatti Parco archeologico e paesaggistico di Siracusa, Eloro, Villa del Tellaro e Akrai’. Denominazione piuttosto estesa con la quale l’assessorato regionale ai Beni Culturali guidato da Alberto Samonà punta anche a mettere in evidenza la valenza paesaggistica del contesto in cui si trovano le testimonianze archeologiche della prima colonia di Siracusa, fondata dai Corinzi in cima a un colle nei pressi dell’area di Pantalica.

Il decreto firmato oggi apre di fatto “un percorso di valorizzazione del territorio finalizzato all’incremento del turismo culturale che finora in Sicilia era stato tracciato solo per il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi”, sottolinea Samonà.

Edificata tra il 664 e il 663 avanti Cristo, Akrai era considerata la sentinella dei confini meridionali del territorio siracusano. La storia di questa sub-colonia si è protratta per 1.600 anni fino alla sua distruzione, avvenuta nell’827 dopo Cristo, per mano degli Arabi. Ancora oggi i suoi segni sono ben leggibili in questo sito archeologico fino a oggi identificato a parte rispetto alle più prestigiose vestigia della  città di Archimede.

“Un’omissione ingiusta alla quale abbiamo voluto porre rimedio – argomenta Samonà – . Akrai testimonia la storia antica di una comunità il cui nome adesso ottiene una giusta evidenza nella toponomastica regionale. Rinominare il Parco archeologico di Siracusa affermando anche la valenza paesaggistica di quest’altra area iblea significa dare un giusto ristoro non solo ai cittadini di Palazzolo Acreide ma anche un tributo a una parte significativa della memoria storica della Sicilia”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.