Akrai entra nel Parco archeologico di Siracusa. Samonà: "Giusto tributo alla memoria storica della Sicilia" :ilSicilia.it
Siracusa

Decreto firmato oggi

Akrai entra nel Parco archeologico di Siracusa. Samonà: “Giusto tributo alla memoria storica della Sicilia”

di
21 Luglio 2020

Palazzolo Acreide, uno dei poli del barocco siciliano, recupera la sua dignità storica con l’inclusione dell’area archeologica di Akrai nel Parco archeologico di Siracusa, che da oggi cambia nome. Si chiamerà infatti Parco archeologico e paesaggistico di Siracusa, Eloro, Villa del Tellaro e Akrai’. Denominazione piuttosto estesa con la quale l’assessorato regionale ai Beni Culturali guidato da Alberto Samonà punta anche a mettere in evidenza la valenza paesaggistica del contesto in cui si trovano le testimonianze archeologiche della prima colonia di Siracusa, fondata dai Corinzi in cima a un colle nei pressi dell’area di Pantalica.

Il decreto firmato oggi apre di fatto “un percorso di valorizzazione del territorio finalizzato all’incremento del turismo culturale che finora in Sicilia era stato tracciato solo per il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi”, sottolinea Samonà.

Edificata tra il 664 e il 663 avanti Cristo, Akrai era considerata la sentinella dei confini meridionali del territorio siracusano. La storia di questa sub-colonia si è protratta per 1.600 anni fino alla sua distruzione, avvenuta nell’827 dopo Cristo, per mano degli Arabi. Ancora oggi i suoi segni sono ben leggibili in questo sito archeologico fino a oggi identificato a parte rispetto alle più prestigiose vestigia della  città di Archimede.

“Un’omissione ingiusta alla quale abbiamo voluto porre rimedio – argomenta Samonà – . Akrai testimonia la storia antica di una comunità il cui nome adesso ottiene una giusta evidenza nella toponomastica regionale. Rinominare il Parco archeologico di Siracusa affermando anche la valenza paesaggistica di quest’altra area iblea significa dare un giusto ristoro non solo ai cittadini di Palazzolo Acreide ma anche un tributo a una parte significativa della memoria storica della Sicilia”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.