18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.48
Palermo

All'interno del progetto Moon Contemporary

Al Castello di Carini la mostra di Ute Müller e Christoph Meier [FOTOGALLERY]

3 Gennaio 2018
'
'
'
'
'
'

Assorbire lo spazio, farlo “parlare”, trovarne dettagli e significati oltre. Se poi il luogo è colmo di storia, il progetto diventa un ponte verso visioni personalissime, non omologate, che pescano dall’architettura ma non si rinchiudono nelle geometrie.

Moon Contemporary, il centro di arte contemporanea indipendente che ai primi di giugno è nato nel cuore medievale del castello di Carini, in provincia di Palermo, ospita alcuni lavori degli artisti austriaci Ute Müller e Christoph Meier appositamente realizzati per questo luogo.

Il loro intervento, realizzato durante residenza da dicembre presso Moon Contemporary, grazie anche al supporto del “Forum Austriaco di Cultura“, verrà inaugurato giovedì 4 gennaio alle 18 al Castello di Carini, che lo ospiterà poi fino al 4 marzo.

Di stanza a Vienna, considerati tra le voci più nuove e sperimentali a livello europeo, i due artisti trattano lo spazio che ospita le opere come se ogni limite fosse tranquillamente superabile, senza confini tra ciò che è visibile e ciò che non lo è.

E dal desiderio di mettere a confronto una delle più vivaci scene europee del momento, come è quella viennese, con la nuova generazione di artisti siciliani emergenti, nasce anche un secondo intervento negli ambienti labirintici del piano terra del castello medievale, riletti in chiave astratta: la firma in calce è dei giovanissimi Genuardi/Ruta, reduci dal successo ottenuto di recente ad Artissima Art Fair. I due progetti sono curati da Daniela Bigi e Giuseppe Buzzotta.

Il castello di Carini è aperto ogni giorno, compresi i festivi, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il biglietto di ingresso comprende sia la visita del castello che le mostre.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.