Al Farm cultural park di Favara arriva "Mare Fest" con i libri tattili per non vedenti :ilSicilia.it

dal 10 al 14 dicembre

Al Farm cultural park di Favara arriva “Mare Fest” con i libri tattili per non vedenti

di
5 Dicembre 2019

La mostra itinerante “Mare Fest. Vietato Non Toccare” in ricordo di Sebastiano Tusa, di “Villaggio letterario”, dal 10 al 14 dicembre approda al Farm Cultural Park di Favara. L’inaugurazione è in programma martedì 10 dicembre alle ore 11.30. Ingresso libero.

Insieme ai fondatori del Farm Cultural Park, Andrea Bartoli e Florinda Saieva, e della casa editrice Medinova Antonio Liotta, saranno presenti il sindaco di Favara, Anna Alba, il vicesindaco Giuseppe Bennica, la fondatrice di Villaggio Letterario Anna Russolillo, Nando Sutera, responsabile Centro di Consulenza Tiflodidattica di Catania, Giorgia Tinnirello, archeologa, Maria Concetta Cusimano, tiftologa della Federazione nazionale delle Istituzioni pro Ciechi Onlus, Pasquale Palermo, artigiano e coordinatore dei laboratori d’arte di Mare Fest, Alessandra De Caro, architetto dirigente della Soprintendenza del mare, Licia Corsale dell’INGV di Palermo.

Saranno presenti bambini di tanti istituti di Favara, che, insieme a diversi artisti, accoglieranno i bambini dell’Istituto Sciascia provenienti da Palermo e i giovani artisti emergenti.

Mare Fest. Vietato Non Toccare è una mostra collettiva, kids, young e senior di inclusione sociale, di accessibilità e di fruizione dei beni culturali, che coniuga arte contemporanea, cultura e valorizzazione del mare. Esposti libri tattili ecologici, realizzati da bambini vedenti che si sono riappropriati del linguaggio tattile e da bambini non vedenti, che hanno insegnato loro il linguaggio di amore, di conoscenza e di semplicità. Dunque, opere da percepire con il tatto, indispensabile per un non vedente, ma altrettanto importante per i vedenti. La ricerca dei materiali e la scelta di utilizzarli per i libri tattili hanno definito in modo inequivocabile il mondo interiore di ciascun bambino. I laboratori che si sono svolti a Palermo hanno stimolato la condivisione, lasciando spazio alle espressioni più intime e individuali che fanno di ogni libro tattile una piccola opera d’arte.

Una mostra, dove i colori danno spazio alle forme, carichi di quella sincerità e spontaneità che solo i bambini e gli artisti possono dare. Sarà presente una sala per laboratori e sarà organizzato un focus sull’arte, sulla creatività e sulle tematiche sociali legate alla fruizione dell’arte degli ipovedenti e non vedenti.

Accanto ai 36 libri tattili realizzati dagli alunni dell’Istituto Sciascia e dai piccoli utenti dell’Istituto ciechi Florio e Salamone di Palermo, in mostra le opere di Vincenzo Patti e Giovanni Proietto, artisti affermati e noti al pubblico internazionale, e opere dedicate a “Mare Fest. Vietato Non Toccare” di giovani artisti che sicuramente faranno parlare di sé: Alfonso Elia Amato, Vincenzo Raffaele Barba, Serena Etiopia, Valentina Matranga, Giorgia Emily Militello, Melissa Muscarnera, Valeria Rubino.

Gli organizzatori della mostra sono Andrea Bartoli, Florinda Saieva, Antonio Liotta, Anna Russolillo, Giacomo Rizzo, Giorgia Tinnirello, in collaborazione con Nando Sutera, Alessandra De Caro, Maria Concetta Cusimano, Pasquale Palermo, con la partecipazione delle insegnanti Roberta Casucci, Ilenia di Matteo, Rizzo Daniela dell’Istituto Sciascia, coordinate da Maria Erminia Cocuzza.

Il viaggio “Mare Fest. Vietato Non Toccare in ricordo di Sebastiano Tusa” dunque non si ferma. Terminati con grandi risultati di pubblico i primi due viaggi a Palermo e a Mazara del Vallo al Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea Riso e al Chiostro dei Gesuiti nell’ambito di “Blue Sea Land”, Villaggio Letterario ha rilanciato il proprio impegno e i fondatori del Farm Cultural Park di Favara hanno messo a disposizione la prestigiosissima tappa dei Sette Cortili, luogo-simbolo che il giornale britannico Purple Travel ha posto al sesto posto al mondo fra le mete turistiche dell’arte contemporanea, preceduto soltanto da Firenze, Parigi, Bilbao, dalle isole della Grecia e da New York.

“Non è solo una mostra da guardare – spiega Anna Russolillo, ideatrice di Mare Fest – ma anche da toccare e da sentire con le corde del cuore. Non è un percorso solo per bambini, non è una Children’s Art Show che si può trovare anche nei musei tradizionali, ma è un incontro tra bambini, giovani ed adulti, per lasciare spenti i vari tablet e cellulari ed aprire la mente all’altro, all’arte e al mare. È un appuntamento per i bambini, per le scuole ma anche e soprattutto per la famiglia”.

Una collaborazione, quella tra il Farm Cultural Park, Medinova e Villaggio Letterario, fondato per avvicinare tutti all’arte contemporanea, ribadendo il suo ruolo culturale, sociale e turistico.

“Siamo felici ed onorati – sottolineano Florinda Saieva e Andrea Bartoli – di ospitare a Farm Cultural Park, la mostra collettiva itinerante “Mare Fest. Vietato Non Toccare” organizzata dal Villaggio letterario. Un contenuto culturale fresco e accattivante, intelligente già dal suo nome, in cui paesaggio e cultura, memoria e visione, educazione e accessibilità vengono declinati in 36 libri tattili realizzati da bambini di talento, vedenti e non vedenti, in memoria di Sebastiano Tusa e un corpus di sette opere “vietato non toccare” realizzate con linguaggi differenti da giovani artisti emergenti siciliani che raccontano il mare e l’uomo ed il continuo ed altalenante dividersi tra perdita e rinascita. Una grande mostra collettiva, non c’è dubbio, resa ancor più interessante grazie alle opere di due grandi artisti agrigentini ispirate al Mare. Vi aspettiamo ai Sette Cortili”.

Durante i quattro giorni di Mare Fest. Vietato Non Toccare si susseguiranno incontri e presentazioni che vedranno la partecipazione di tutti gli Istituti di Favara.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.