Al mercato Ballarò di Palermo cibo venduto tra rifiuti e percolato: i commercianti presentano una petizione :ilSicilia.it
Palermo

tramite l'associazione comitati civici

Al mercato Ballarò di Palermo cibo venduto tra rifiuti e percolato: i commercianti presentano una petizione

di
21 Settembre 2018

L’associazione Comitati Civici Palermo ha depositato in Comune e all’Ufficio di Igiene una petizione firmata da oltre trenta commercianti di Ballarò. Attraverso questo documento viene chiesta con forza la bonifica del mercato, in particolare di piazza del Carmine che versa in condizioni igieniche spaventose.

ballarò rifiutiQuesto costituisce un pericolo per chi compra alimenti che stanno a stretto contatto con agenti patogeni che proliferano nei contenitori della Rap, che non vengono mai puliti né sanificati, e sul selciato imbrattato dal percolato e da rifiuti di ogni genere. I commercianti, stanchi ed indignati, hanno promosso una raccolta di firme con l’aiuto della nostra Associazione, da sempre sensibile ai temi della salute e del decoro dei cittadini. Seguiremo gli sviluppi della vicenda, mettendo in campo, se necessario, altre azioni civili” scrive Giovanni Moncada presidente dell’associazione.

 

Di seguito il testo integrale della petizione:

Al signor sindaco del comune di Palermo Leoluca Orlando

Oggetto: Richiesta di intervento a piazza del Carmine a tutela della salute pubblica Palermo,19 sett. 2018

Siamo un gruppo di commercianti di Ballarò e vogliamo segnalare il grado di sporcizia, diventato intollerabile, della zona che gravita intorno a piazza del Carmine.

Si tratta di una zona dove vengono commercializzati alimenti sfusi, carne, pesce, frutta e verdura, esposti ai batteri patogeni che proliferano nei cassonetti mai sanificati, posti a ridosso della merce esposta.

Anche la pavimentazione è sudicia e maleodorante a causa del percolato che si forma per il conferimento continuo e incontrollato di rifiuti anche organici.

Chiediamo che siano sostituiti i cassonetti semidistrutti e incredibilmente sporchi con altri dotati di coperchi e che sia ripulita con periodicità giornaliera la pavimentazione stradale con idropulitrice e disinfettante, al fine di eliminare il fetore continuo ed insopportabile, specialmente nelle ore più calde, ed il pericolo concreto di malattie sia per i residenti che per chi compra la merce esposta ad ogni tipo di batteri.

Restiamo fiduciosi in un pronto accoglimento di proposte che mirano esclusivamente alla salvaguardia della salute dei residenti e di quella dei cittadini tutti, turisti compresi, che esprimono a noi commercianti il loro profondo disappunto per il vergognoso degrado del nostro mercato storico. Seguono 35 firme dei commercianti della piazza del Carmine“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.