Al Museo Interdisciplinare Regionale di Messina l'iniziativa "Posto occupato" dedicato alle donne vittime di violenza :ilSicilia.it
Messina

L’iniziativa decolla in occasione della Festa della donna

Al Museo Interdisciplinare Regionale di Messina l’iniziativa “Posto occupato” dedicato alle donne vittime di violenza

di
7 Marzo 2019

Il MuMe, Museo Interdisciplinare Regionale di Messina, confermando gli obiettivi di impulso di crescita sociale e culturale del territorio, aderisce al Progetto Nazionale dedicato alle donne vittime della violenza di genere, riservando un Posto Occupato nelle sale museali.

L’iniziativa decolla in occasione della Festa della donna, il prossimo 8 marzo, quando peraltro sarà assicurato l’ingresso gratuito alle donne, come disposto dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana, per tutta la giornata (orario di apertura 9/18,30).

Il Posto Occupato sarà allestito davanti al dipinto La Strage degli Innocenti, databile fra il 1609 e il 1610, del messinese Alonzo Rodriquez.

La scelta dell’opera, proposta dal direttore della struttura museale Caterina Di Giacomo e condivisa per il forte impatto emozionale da Maria Andaloro, ideatrice della significativa e importante iniziativa, che ha riscosso in sede nazionale e internazionale numerosi e qualificati consensi, è motivata dal reiterarsi, nella storia dell’umanità, di episodi che sottolineano il destino delle donne, sovraesposte per la maggiore vulnerabilità fisica alla violenza, cui si oppongono con la forza della disperazione, per difendere la propria dignità e la stessa esistenza, o come nel fatto evangelico narrato con crudezza ed efficacia dal pittore caravaggesco, per proteggere i figli, fino all’estremo sacrificio.

Il dipinto esposto in una delle sale nell’area caravaggesca, transitò al Museo Civico Peloritano dalla chiesa dei Santi Elena e Costantino, distrutta nel 1849. La cruente incisività della narrazione convinse il Longhi ad attribuire la tela ad Artemisia Gentileschi, le cui formule non dovettero comunque passare inosservate al Rodriquez (1568 ca-1648), cui oggi si riporta concordemente l’attribuzione.

Se è certa una formazione del pittore nell’ambiente messinese tardomanieristico, nonché una permanenza a Roma nei primi anni del XVII secolo, è altrettanto consolidata l’opinione di un suo rientro in città in tempo per assimilare gli effetti dirompenti dell’arrivo di Caravaggio, su una naturale propensione per il realismo, suggestionato dagli accenti luministici di marca nordica.

Sue molte opere esposte al Museo, ispirate ai capolavori del grande lombardo, mentre è collocato nella sala Giunta del Municipio l’affresco staccato con il Cenacolo eseguito nel 1617 nel refettorio del Convento di S.Maria del Gesù Inferiore.

Venerdì 8 marzo, ore 9-18,30, ingresso gratuito per le donne.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin