Al Palazzo di Giustizia di Agrigento la mostra "Gli Invisibili" di Lavinia Caminiti | Foto :ilSicilia.it
Banner Bibo
Agrigento

visitabile fino al prossimo 9 novembre

Al Palazzo di Giustizia di Agrigento la mostra “Gli Invisibili” di Lavinia Caminiti | Foto

di
4 Ottobre 2019

 

Guarda in alto le foto

L’Associazione Nazionale Magistrati, Sottosezione di Agrigento, ha inaugurato presso il Palazzo di Giustizia della città dei Templi la mostra fotografica curata da Lavinia Caminiti dal titolo “Gli Invisibili“, con l’evocativo sottotitolo “Ammazzati dalla mafia e dall’indifferenza“.

La mostra – che resterà aperta fino al prossimo 9 novembre – è visitabile liberamente tutti i giorni feriali negli orari d’apertura del Tribunale,  e propone una inedita galleria di immagini fotografiche dei luoghi in cui sono state assassinate vittime della mafia.

Si tratta di un’opera commemorativa e culturale altamente meritoria che ancora una volta porta prepotentemente al centro dell’attenzione il tema “mafia” di cui ormai si parla sempre più con fastidio.

È degna di menzione la circostanza per cui per la prima volta si organizza un evento commemorativo-culturale all’interno dei locali del Tribunale di Agrigento visitabile da qualunque cittadino: e questo è uno degli aspetti rilevanti di tale evento poiché consente, sia pure a piccoli passi, di avvicinare la Magistratura, le istituzioni ed il palazzo al cittadino comune; obiettivo, questo, che la Sottosezione ANM di Agrigento persegue da tempo.

L’evento è stato organizzato con la collaborazione del MIUR, in particolare dell’U.R.S. – Ambito Territoriale di Agrigento, che ha assunto l’onere di sensibilizzare le scuole della provincia sulla opportunità di far visitare la mostra agli studenti delle scuole superiori in modo che per loro possa essere una occasione di profonda riflessione e crescita civile. E non a caso si è deciso che la mostra sarà visitata per ben due volte la settimana (il venerdì ed il sabato mattina) dagli studenti di diverse scuole della Provincia, presenti l’autrice e diversi Magistrati.

L’evento viene organizzato dalla ANM Sottosezione di Agrigento nell’ambito delle commemorazioni previste per il 29° anniversario dell’omicidio di Rosario Livatino e si coglie l’occasione per annunciare che detta Sottosezione intende bandire tra le scuole di ogni ordine grado della provincia una sorta di Premio, di concorso, intestato alla memoria di Livatino e che abbia ad oggetto la realizzazione di una opera, di prosa, poesia, pittorica, musicale, grafica, fotografica, digitale o di qualunque altro tipo che sia in qualche maniera ispirata alla vita o al lavoro del magistrato originario di Canicattì.

L’opera ritenuta più interessante -da una giuria formata da varie personalità della magistratura  e della società civile- sarà premiata il prossimo anno nella ricorrenza del 30° anniversario della mortedi Livatino.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti