"Al Passo coi Templi", il risveglio degli dei incanta Taormina :ilSicilia.it
Messina

alba emozionante con l'evento di TaoArte

“Al Passo coi Templi”, il risveglio degli dei incanta Taormina

di
18 Agosto 2021

È Cassandra a ricordare a tutti il ruolo civile del teatro davanti alle grandi tragedie della storia. È lei a far sue le parole della ragazza afghana che hanno fatto il giro del web (“A nessuno importa di noi… Moriremo lentamente nella storia…”). A ricordare al pubblico, insieme alle donne troiane, “le donne afghane, umane, dimenticate..”. Un passaggio a sorpresa di “Al Passo coi Templi. Il risveglio degli dei” scritto e diretto da Marco Savatteri, andato in scena questa mattina all’alba al Teatro Antico di Taormina, come unico appuntamento all’alba del cartellone di Taormina Arte 2021.

In più di 800 si sono messi in fila a partire dalle 4 del mattino per assistere al suggestivo ed apprezzato spettacolo prodotto dalla Casa del Musical insieme alla Fondazione Taormina Arte Sicilia proprio per questo teatro. In scena i protagonisti del Mito. Dei ed eroi che parlano agli uomini di oggi, immaginando di tornare in vita dopo secoli e ripercorrendo la storia degli umani dall’età dell’Oro all’era del Covid: pandemie, guerre, un’umanità perduta e da ritrovare così come l’equilibrio con la natura.

Solo una novità rispetto al testo originale, il passaggio sull’Afghanistan e la tragedia che in queste ore stanno vivendo le donne di quel Paese. “Non si può restare indifferenti davanti a ciò che sta accadendo – dice Savatteri – Il teatro non è solo catarsi, deve avere un ruolo civile, risvegliare le coscienze. Mi auguro davvero che il Governo italiano, i Governi occidentali intervengano per creare corridoi umanitari e mettere in salvo i più fragili: donne, bambini, anziani, malati”.

Le bianche statue di Savatteri hanno preso vita nella notte muovendosi tra le pietre secolari della cavea mentre gli spettatori prendevano posto. Poi torce e coreografie di fuoco a rischiarare le tenebre e far spazio alla narrazione e agli attori: 45 gli interpreti in scena tra cantanti, ballerini e attori e la partecipazione del soprano lirico Rossana Potenza che ha dato corpo e voce ad Hera, la regina degli Dei, e il catanese Silvio Laviano, nei panni sia di Zeus che Ulisse. Mentre il finale è interpretato da Antonella Nastasi nel ruolo del Fato.

“Abbiamo scelto di riproporre lo spettacolo quest’anno tra gli eventi di punta della Fondazione Taormina Arte Sicilia – commenta il commissario della Fondazione Bernardo Campo – Gli applausi e il botteghino hanno confermato il successo del 2020 e il gradimento da parte del pubblico di varie fasce d’età. Spettacoli come questo all’interno dei siti archeologici hanno un fascino unico e servono a far conoscere il Mito valorizzando l’identità dei luoghi e coniugando cultura e promozione turistica.”

Un viaggio onirico e spettacolare costruito attraverso citazioni e rimandi, rilettura di testi classici e scritture moderne, musiche originali ed effetti speciali. Per raccontare in modo del tutto originale figure e versi da sempre fonte di ispirazione, e trama di futuro. Da Prometeo e il fuoco rubato a Fauno il giardiniere delle Ninfe, agli eroi dell’Iliade e dell’Odissea. E ancora Cassandra, Apollo e Dafne, Antigone ed Hera, Dioniso e Le Baccanti e, per finire, il Fato. Storie e personaggi si rivelano mentre il cielo inizia a tingersi di viola, rossi e gialli e dalla Cavea, cullata tra l’Etna e la costa di Giardini Naxos, il paesaggio appare lentamente in tutta la sua meraviglia.

La performance ha intrecciato insieme le diverse arti dello spettacolo con momenti di danza rituale e divinatoria, musiche originali ispirate alle sonorità del tempo e i canti a cappella e cori diretti da Ernesto Marciante. Siciliano il cast delle maestranze con le coreografie di Gabriel Glorioso, i costumi di Valentina Pollicino, le coreografie di fuoco di Turi Scandura, le orchestrazioni di Enrico Fallea, e all’aiuto regia Dino Mallia, Sofia Cacciatore e Giuseppe Orsillo. Alla fine, per tutti, il lungo applauso del pubblico.

La programmazione 2021 al Teatro Antico è organizzata dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, con l’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo, l’Assessorato Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana, il Comune di Taormina e il Parco Archeologico Naxos-Taormina.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin