Al Policlinico di Palermo il convegno "Allarme legionella, l'esperienza della Sicilia" :ilSicilia.it
Palermo

appuntamento lunedì 24 giugno

Al Policlinico di Palermo il convegno “Allarme legionella, l’esperienza della Sicilia”

22 Giugno 2019

Riflettori puntati sui rischi della legionella e sulle strategie di prevenzione in Sicilia. Al batterio che sempre più recentemente si è diffuso in Italia, ma anche nell’Isola, è dedicato il convegno nell’aula Maurizio Ascoli del Policlinico Paolo Giaccone di Palermo, dal titolo “Allarme Legionella, l’esperienza della Regione Siciliana”.

L’evento, che si svolgerà lunedì 24 giugno, nasce dal fatto che i sempre più frequenti casi d’infezione collegati a Legionella, hanno suscitato, in più occasione, allarmismi nella popolazione. Per questo, diversi esperti faranno chiarezza sui reali rischi legati al microrganismo, cercando di ridurre l’insorgere di eccessive preoccupazioni.

I tre laboratori di riferimento regionali per la sorveglianza ambientale e il controllo della legionellosi, con sede a Palermo, Catania e Messina, hanno partecipato alla realizzazione di un progetto, finanziato dalla Regione Siciliana, nell’ambito del Po Psn 2013, linea progettuale 18, azione 18.5 “Sorveglianza ambientale e clinica della Legionella“, il cui obiettivo era indirizzato alla valutazione della circolazione del microrganismo negli istituti scolastici e nelle carceri.

L’obiettivo del congresso è quindi di divulgare i dati ottenuti, per sottolineare l’importanza della valutazione del rischio di contrarre l’infezione e soprattutto sottolineare le misure di controllo e prevenzione da utilizzare. Altre strutture saranno valutate in progetti futuri, uno dei quali indirizzato alla valutazione degli ospedali (Po Psn 2014, linea progettuale 2, azione 2.9.4 “Sorveglianza e controllo delle infezioni da Legionella correlate all’assistenza”).

Responsabile scientifico del congresso è Anna Giammanco, direttore dell’Unità operativa complessa di Microbiologia, Virologia e Parassitologia del Policlinico di Palermo.

L’incontro intende fare il punto della situazione su questo particolare e delicato argomento partendo – spiega Giammanco – dalla presentazione delle nozioni di base per la prevenzione della legionellosi e arrivare quindi alla trattazione della gestione del rischio. È prevista, durante il congresso una tavola rotonda nella quale i maggiori esperti italiani del settore affronteranno argomenti sulla prevenzione della diffusione del microrganismo con il coinvolgimento delle categorie lavorative che sottovalutano il rischio di contrarre l’infezione. Più in generale, il congresso si rivolge a tutti coloro che vogliano addentrarsi in modo approfondito al risk management per la legionellosi, con uno sguardo critico nei confronti di normative e linee guida esistenti, nazionali e internazionali”.

SCARICA IN BASSO IL DOCUMENTO:

Allarme legionella – Programma

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.