Al Politeama Garibaldi "Never give up", con Camille Thomas al violoncello e l'Orchestra Sinfonica Siciliana :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento venerdì 6 dicembre

Al Politeama Garibaldi “Never give up”, con Camille Thomas al violoncello e l’Orchestra Sinfonica Siciliana

di
3 Dicembre 2019

Un ritorno ben definito e originale per il direttore d’orchestra palermitano Giuseppe Cataldo, impegnato con musiche di Beethoven, Say, Bartók, sul palco del Teatro Politeama Garibaldi per la stagione 2019/2020 dell’Orchestra Sinfonica Siciliana.

Venerdì 6 dicembre alle ore 21 e sabato 7 alle 17.30,  l’appuntamento è con “Beethoven, Say & Bartók”.

Il programma prevede musiche di Ludwig van Beethoven, (La consacrazione della casa/ Die Weihe des Hauses, ouverture op. 124 WoO 98), di Fazil Say (Never give up, concerto per violoncello e orchestra), di Béla Bartók (Concerto per orchestra Sz 116).

Un evento musicale di particolare spessore, perché per la prima volta in Italia verrà eseguito il brano “Never give up” del pianista e compositore turco Fazil Say.  La composizione accende i riflettori su temi di attualità: i pericoli della guerra, il terrorismo, la mancanza di comunicazione tra le persone. Il contemporaneo “Never give up”, tuttavia, è un invito a non rinunciare alla pace, alla bellezza, alla libertà. È l’esortazione a “non mollare mai”.

«Sentirsi irradiato da una carica di energia positiva non è cosa che capiti sempre ad un concerto. È accaduto la sera del 3 aprile 2018 a Parigi appena fuori dal Théâtre des Champs-Elysées, dopo aver ascoltato in prima assoluta il concerto per violoncello e orchestra di Fazil Say, interpretato da una straordinaria Camille Thomas. Fra i vari pensieri avuti ne ricordo uno in particolare: Never give up, un concerto che mi sarebbe piaciuto dirigere, una composizione dal titolo esplicito, militante.  Allo stesso tempo un’invocazione di pace in un’epoca di terrorismo e guerre. E così, quando il Maestro Panni mi ha invitato a dirigere, è stato naturale proporlo per la Sinfonica Siciliana e il suo pubblico in questa prima esecuzione italiana», ha affermato Giuseppe Cataldo, direttore d’orchestra palermitano.

Camille Thomas

Per il concerto Beethoven, Say & Bartók diretto da Giuseppe Cataldo, sarà solista sul palco del Teatro Politeama la straordinaria e carismatica Camille Thomas, nuova stella del violoncello. Nominata nei Grammy dal francese “Les Victoires de la Musique” come new entry del 2014, Camille Thomas è stata scelta da Musiq’3 – RTBF, per rappresentare il Belgio all’European Broadcasting Union Competition, dove le è stato assegnato il primo premio ed è stata segnalata come “New Talent of the Year 2014”. Nel 2017 le è stato assegnato un “ECHO Klassik Preis” ed è la prima violoncellista, negli ultimi 40 anni, ad avere firmato un contratto di esclusiva con la prestigiosa etichetta discografica tedesca “Deutsche Grammophon International”.

Giuseppe Cataldo ha diretto in Italia e all’Estero importanti orchestre, sia per il repertorio lirico che per quello sinfonico. Torna al Politeama dopo gli anni che lo hanno visto direttore artistico della storica Orchestra siciliana dal 1998 al 2001 e ancora dal 2008 al 2009. Una direzione artistica le cui Stagioni, pur in continuità con il passato, fra tradizione e proposte nuove (Turangalîla-Symphoniedi Messiaen in “prima” a Palermo), si sono contraddistinte per un cospicuo ampliamento del pubblico e una decisa progettualità verso i giovani delle scuole (Haensel e Gretel, La volpe astuta), come riportano gli annali della storia dell’Orchestra.

I biglietti hanno un costo che va da 12 a 25 euro. Possono essere acquistati alla biglietteria del Teatro Politeama, aperta da lunedì a sabato dalle ore 9.30 alle ore 16.30, la domenica dalle ore 9.30 alle ore 13.30. Nelle giornate di spettacolo, è aperta, inoltre, un’ora e mezza prima dell’inizio dell’evento.

Il biglietto può anche essere acquistato online su www.vivaticket.it

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.