Al Politeama Garibaldi "Never give up", con Camille Thomas al violoncello e l'Orchestra Sinfonica Siciliana :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento venerdì 6 dicembre

Al Politeama Garibaldi “Never give up”, con Camille Thomas al violoncello e l’Orchestra Sinfonica Siciliana

3 Dicembre 2019

Un ritorno ben definito e originale per il direttore d’orchestra palermitano Giuseppe Cataldo, impegnato con musiche di Beethoven, Say, Bartók, sul palco del Teatro Politeama Garibaldi per la stagione 2019/2020 dell’Orchestra Sinfonica Siciliana.

Venerdì 6 dicembre alle ore 21 e sabato 7 alle 17.30,  l’appuntamento è con “Beethoven, Say & Bartók”.

Il programma prevede musiche di Ludwig van Beethoven, (La consacrazione della casa/ Die Weihe des Hauses, ouverture op. 124 WoO 98), di Fazil Say (Never give up, concerto per violoncello e orchestra), di Béla Bartók (Concerto per orchestra Sz 116).

Un evento musicale di particolare spessore, perché per la prima volta in Italia verrà eseguito il brano “Never give up” del pianista e compositore turco Fazil Say.  La composizione accende i riflettori su temi di attualità: i pericoli della guerra, il terrorismo, la mancanza di comunicazione tra le persone. Il contemporaneo “Never give up”, tuttavia, è un invito a non rinunciare alla pace, alla bellezza, alla libertà. È l’esortazione a “non mollare mai”.

«Sentirsi irradiato da una carica di energia positiva non è cosa che capiti sempre ad un concerto. È accaduto la sera del 3 aprile 2018 a Parigi appena fuori dal Théâtre des Champs-Elysées, dopo aver ascoltato in prima assoluta il concerto per violoncello e orchestra di Fazil Say, interpretato da una straordinaria Camille Thomas. Fra i vari pensieri avuti ne ricordo uno in particolare: Never give up, un concerto che mi sarebbe piaciuto dirigere, una composizione dal titolo esplicito, militante.  Allo stesso tempo un’invocazione di pace in un’epoca di terrorismo e guerre. E così, quando il Maestro Panni mi ha invitato a dirigere, è stato naturale proporlo per la Sinfonica Siciliana e il suo pubblico in questa prima esecuzione italiana», ha affermato Giuseppe Cataldo, direttore d’orchestra palermitano.

Camille Thomas

Per il concerto Beethoven, Say & Bartók diretto da Giuseppe Cataldo, sarà solista sul palco del Teatro Politeama la straordinaria e carismatica Camille Thomas, nuova stella del violoncello. Nominata nei Grammy dal francese “Les Victoires de la Musique” come new entry del 2014, Camille Thomas è stata scelta da Musiq’3 – RTBF, per rappresentare il Belgio all’European Broadcasting Union Competition, dove le è stato assegnato il primo premio ed è stata segnalata come “New Talent of the Year 2014”. Nel 2017 le è stato assegnato un “ECHO Klassik Preis” ed è la prima violoncellista, negli ultimi 40 anni, ad avere firmato un contratto di esclusiva con la prestigiosa etichetta discografica tedesca “Deutsche Grammophon International”.

Giuseppe Cataldo ha diretto in Italia e all’Estero importanti orchestre, sia per il repertorio lirico che per quello sinfonico. Torna al Politeama dopo gli anni che lo hanno visto direttore artistico della storica Orchestra siciliana dal 1998 al 2001 e ancora dal 2008 al 2009. Una direzione artistica le cui Stagioni, pur in continuità con il passato, fra tradizione e proposte nuove (Turangalîla-Symphoniedi Messiaen in “prima” a Palermo), si sono contraddistinte per un cospicuo ampliamento del pubblico e una decisa progettualità verso i giovani delle scuole (Haensel e Gretel, La volpe astuta), come riportano gli annali della storia dell’Orchestra.

I biglietti hanno un costo che va da 12 a 25 euro. Possono essere acquistati alla biglietteria del Teatro Politeama, aperta da lunedì a sabato dalle ore 9.30 alle ore 16.30, la domenica dalle ore 9.30 alle ore 13.30. Nelle giornate di spettacolo, è aperta, inoltre, un’ora e mezza prima dell’inizio dell’evento.

Il biglietto può anche essere acquistato online su www.vivaticket.it

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.