Al Politeama Garibaldi "Never give up", con Camille Thomas al violoncello e l'Orchestra Sinfonica Siciliana :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento venerdì 6 dicembre

Al Politeama Garibaldi “Never give up”, con Camille Thomas al violoncello e l’Orchestra Sinfonica Siciliana

di
3 Dicembre 2019

Un ritorno ben definito e originale per il direttore d’orchestra palermitano Giuseppe Cataldo, impegnato con musiche di Beethoven, Say, Bartók, sul palco del Teatro Politeama Garibaldi per la stagione 2019/2020 dell’Orchestra Sinfonica Siciliana.

Venerdì 6 dicembre alle ore 21 e sabato 7 alle 17.30,  l’appuntamento è con “Beethoven, Say & Bartók”.

Il programma prevede musiche di Ludwig van Beethoven, (La consacrazione della casa/ Die Weihe des Hauses, ouverture op. 124 WoO 98), di Fazil Say (Never give up, concerto per violoncello e orchestra), di Béla Bartók (Concerto per orchestra Sz 116).

Un evento musicale di particolare spessore, perché per la prima volta in Italia verrà eseguito il brano “Never give up” del pianista e compositore turco Fazil Say.  La composizione accende i riflettori su temi di attualità: i pericoli della guerra, il terrorismo, la mancanza di comunicazione tra le persone. Il contemporaneo “Never give up”, tuttavia, è un invito a non rinunciare alla pace, alla bellezza, alla libertà. È l’esortazione a “non mollare mai”.

«Sentirsi irradiato da una carica di energia positiva non è cosa che capiti sempre ad un concerto. È accaduto la sera del 3 aprile 2018 a Parigi appena fuori dal Théâtre des Champs-Elysées, dopo aver ascoltato in prima assoluta il concerto per violoncello e orchestra di Fazil Say, interpretato da una straordinaria Camille Thomas. Fra i vari pensieri avuti ne ricordo uno in particolare: Never give up, un concerto che mi sarebbe piaciuto dirigere, una composizione dal titolo esplicito, militante.  Allo stesso tempo un’invocazione di pace in un’epoca di terrorismo e guerre. E così, quando il Maestro Panni mi ha invitato a dirigere, è stato naturale proporlo per la Sinfonica Siciliana e il suo pubblico in questa prima esecuzione italiana», ha affermato Giuseppe Cataldo, direttore d’orchestra palermitano.

Camille Thomas

Per il concerto Beethoven, Say & Bartók diretto da Giuseppe Cataldo, sarà solista sul palco del Teatro Politeama la straordinaria e carismatica Camille Thomas, nuova stella del violoncello. Nominata nei Grammy dal francese “Les Victoires de la Musique” come new entry del 2014, Camille Thomas è stata scelta da Musiq’3 – RTBF, per rappresentare il Belgio all’European Broadcasting Union Competition, dove le è stato assegnato il primo premio ed è stata segnalata come “New Talent of the Year 2014”. Nel 2017 le è stato assegnato un “ECHO Klassik Preis” ed è la prima violoncellista, negli ultimi 40 anni, ad avere firmato un contratto di esclusiva con la prestigiosa etichetta discografica tedesca “Deutsche Grammophon International”.

Giuseppe Cataldo ha diretto in Italia e all’Estero importanti orchestre, sia per il repertorio lirico che per quello sinfonico. Torna al Politeama dopo gli anni che lo hanno visto direttore artistico della storica Orchestra siciliana dal 1998 al 2001 e ancora dal 2008 al 2009. Una direzione artistica le cui Stagioni, pur in continuità con il passato, fra tradizione e proposte nuove (Turangalîla-Symphoniedi Messiaen in “prima” a Palermo), si sono contraddistinte per un cospicuo ampliamento del pubblico e una decisa progettualità verso i giovani delle scuole (Haensel e Gretel, La volpe astuta), come riportano gli annali della storia dell’Orchestra.

I biglietti hanno un costo che va da 12 a 25 euro. Possono essere acquistati alla biglietteria del Teatro Politeama, aperta da lunedì a sabato dalle ore 9.30 alle ore 16.30, la domenica dalle ore 9.30 alle ore 13.30. Nelle giornate di spettacolo, è aperta, inoltre, un’ora e mezza prima dell’inizio dell’evento.

Il biglietto può anche essere acquistato online su www.vivaticket.it

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.