Al porto di Palermo calano i crocieristi ma aumenta il trasporto di passeggeri e merci | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Meno crociere? Per il presidente Cannatella dipende dalla minaccia terroristica

Al porto di Palermo calano i crocieristi ma aumenta il trasporto di passeggeri e merci

di
1 Gennaio 2017

Cala il numero dei crocieristi rispetto allo scorso anno, ma aumenta quello dei passeggeri dei traghetti da e verso la Sicilia e quello dei passeggeri da e verso le isole minori. Cresce anche il trasporto delle merci soprattutto quelle in partenza, segno di una ripresa delle esportazioni. È un bilancio tutto sommato positivo quello del Porto di Palermo, nonostante meno navi da crociera scelgano di sbarcare nel capoluogo siciliano. Colpa, secondo il presidente dell’Autorità Vincenzo Cannatella, della situazione politica precaria in cui versano i paesi del Maghreb, delle minacce terroristiche e dei nuovi equilibri economici internazionali.

“A livello globale – dichiara Cannatella – è tutta l’Europa delle crociere a perdere appeal, attestandosi a una quota di mercato del 27%, in calo rispetto al 31% di quattro anni fa. Le cause del declino sono più di una. All’evidente instabilità politica del Mediterraneo orientale si sono aggiunti gli attentati in Francia e la crescita di nuovi importanti mercati emergenti, come quello cinese”. “Nel complesso – conclude – a Palermo il calo di crocieristi è stato più limitato rispetto a quello degli scali perché il porto ha ospitato navi più grandi”.

Nel dettaglio al dicembre di quest’anno il numero dei crocieristi si attesta introno alle 510mila unità, facendo registrare un -7 rispetto al 2015 e una riduzione degli approdi del 12%. Un +12%, invece, hanno fatto registrare i traghetti, che sono passati da 1 milione e 88mila passeggeri trasportati nel 2015 a 1 milione e 220mila nel 2016. In crescita, del 6%, anche il numero di passeggeri da e verso le isole minori.
Per quanto riguarda il trasporto delle merci la percentuale si attesta intorno all’1,5% in più.

Numeri che si discostano di poco rispetto a quelli rilevati fino a settembre scorso. Nei primi nove mesi di quest’anno, infatti, il traffico dei passeggeri nel porto siciliano è stato di quasi 1,6 milioni di persone (+5,0%), di cui 391mila crocieristi (-9,2%), 1,1 milioni di passeggeri dei traghetti (+11,4%) e 98mila passeggeri trasportati dai servizi marittimi entro le 20 miglia (+3,9%). Le auto al seguito dei passeggeri sono state 335mila (+1,7%) e i veicoli pesanti trasportati dalle navi ro-pax e ro-ro sono stati 207mila (+20,0%). La movimentazione di auto nuove di fabbrica è stata di 40mila mezzi (+3,8%).

Sempre nello stesso periodo il traffico delle merci movimentato dal Porto di Palermo è ammontato a 4,9 milioni di tonnellate, con un incremento del +1,2% rispetto ai  4,8 milioni di tonnellate nello stesso periodo dello scorso anno. Le merci allo sbarco si sono attestate a 3,2 milioni di tonnellate (0%) e quelle all’imbarco a 1,7 milioni (+3,7%). Le sole merci varie sono state pari a 4,4 milioni di tonnellate (+9,2%), di cui 4,3 milioni di tonnellate di carichi rotabili (+10,5%) e 86mila tonnellate di merci in container (-30,6%) totalizzate con una movimentazione di contenitori pari a 8.913 teu (-7,8%).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti