Al "Siracusa International Institute" il documento sul Diritto alla Conoscenza sognato da Pannella | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Siracusa

l'iniziativa del partito radicale

Al “Siracusa International Institute” il documento sul Diritto alla Conoscenza sognato da Pannella

di
29 Maggio 2017

Quanto di quello che conosciamo delle decisioni sul piano etico e politico, prese dagli Stati, è sufficiente perché si possa avere un quadro esatto di come stanno le cose?

E quanto la non conoscenza può ledere il diritto civile e politico del cittadino? Marco Pannella sul diritto alla conoscenza ne fece una delle ultime battaglie della sua vita. Tutto nasce dopo la guerra in Iraq, nel momento in cui si seppe che i rapporti stilati erano stati volutamente falsati perché ne fosse autorizzato il bombardamento sul paese e i suoi abitanti. Da allora, nel lontano 2003, la battaglia per il Diritto alla Conoscenza del Partito Radicale non si è mai arrestata, piuttosto negli anni ha acquisito partner importanti e prestigiosi. Uno di questi è senza dubbio il Siracusa International Institute (conosciuto come ISISC), leader nel settore del diritto penale internazionale e per i progetti umanitari svolti in tutto il mondo grazie a chi, nel 1972, ne volle la fondazione, il professore Cherif Bassiouni.

Oggi, a Siracusa, dopo la presentazione alla sede storica del Partito Radicale di lunedì scorso, il documento sul Diritto alla Conoscenza è stato illustrato (dopo avere contribuito in modo importante alla sua redazione), dallo professore Bassiouni. Con lui Ezechia Paolo Reale, Laura Harth, rappresentante del Partito Radicale all’ONU e Matteo Angioli membro della Presidenza del Partito. La redazione del documento, di fatto, istruisce la campagna per il riconoscimento in seno alle Nazioni Unite del diritto alla conoscenza come diritto umano e universale. Tra  gli altri redattori, oltre a Reale, il professore Dunlop, la professoressa Graziani, il professore Radaelli, il professore Ronzitti e l’ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata.

“E’ sicuramente un passo avanti – ha commentato Bassiouni – ma la battaglia per il Diritto alla Conoscenza sarà lunga. Ogni passo sarà combattuto dagli Stati ma noi non abbiamo scelta, non possiamo essere indifferenti. L’indifferenza ha portato, nel 1939, uno dei crimini più efferati contro l’umanità, l’eccidio di ebrei e slavi. Cosa dire dei 500mila siriani morti? Il vero potere decisionale – ha aggiunto – non è più esercitato dagli Stati quanto dalle società internazionali e multinazionali. E’ questo il vero cambiamento che segna il passaggio dei tempi ed al quale i diritti umani devono essere adeguati”.

“Oggi ha inizio un percorso importante per i diritti umani di nuova generazione, un diritto, quello alla conoscenza, che influenzerà il nostro futuro. Oggi di tutto questo si vede e si sente poco, ma senza di esso perderemmo la libertà e non dobbiamo smettere di costruire la speranza per i nostri figli” .

“La redazione di questo documento e la sua presentazione è un sogno che si sta progressivamente avverando”  ha commentato Matteo Angioli che con Marco Pannella ha condiviso i primi passi di questa battaglia. “Lavorare a questo documento è stato un piacere – ha aggiunto Laura Harth – attraverso esso sarà possibile predisporre di una serie di strumenti che renderanno attivo l’esercizio della democrazia dell’uomo. Se pensiamo alla scelta dei temi su cui un paese agisce e sceglie, alle regole chiare e non imposte dall’alto. Un sogno? Noi crediamo che attraverso un documento si possa cominciare a costruire un nuovo senso di democrazia”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin