Sicilia sempre più povera e disperata, ecco perchè i meridionali hanno votato "No" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

I dati Istat sulla povertà, Sicilia maglia nera

Sicilia sempre più povera e disperata, ecco perchè i meridionali hanno votato “No”

6 Dicembre 2016

Ci sono numeri che spiegano più di ogni altra cosa il senso del voto referendario del 4 dicembre. Il “No” non è stato soltanto il rifiuto a una riforma costituzionale o un atto d’accusa contro le politiche del governo nazionale. Il “No” è il grido di un’Italia che giorno dopo giorno si scopre più povera.

La statistiche sono fredde ma non mentono. Se il Sud ha detto” No” con percentuali bulgare – da Roma in giù la media oscilla sul 70 per cento – è  perché questa parte del nostro Paese è ormai in ginocchio, a un passo da quel baratro chiamato “povertà” o, con eufemismo da dotti, “esclusione sociale”. Ed è la Sicilia la maglia nera con oltre 2,7 milioni di persone che rischiano la povertà.

 

Le stime dell’Istat per il 2015, ultimo anno rilevabile, non lasciano spazio a commenti di sorta. Nessuno potrà twittarle, non ci saranno “selfie” a marcare questa dato lanciato dalla agenzie di stampa proprio nelle ore successive alla consultazione referendaria. Istat dixit: nel Sud Italia le persone che vivono a rischio povertà sono il 46,4 per cento. Ed è la Sicilia la maglia nera con oltre 2,7 milioni di persone che rischiano la povertà. In pratica il 55 per cento della popolazione siciliana è a un passo dal “default”. Con il saggio che sale di un punto rispetto al’anno precedente, così come del resto accade nel resto del Paese. Non è un dramma solo siciliano perché le porte di povertà ed esclusione sociale sono il minimo comun denominatore di quella che una volta era la “Questione meridionale”, terminologia ormai sparita dall’agenda setting dei politici.

Così, un abitante su due del Mezzogiorno è colpito da una crisi economica senza precedenti, guerre mondiali a parte. Tocca sempre alla parte più debole del Paese pagare la crisi? Sembra proprio di sì, perché i dati Istat spiegano in maniera fredda ed analitica che la povertà in Italia è un rischio per il 28,7 per cento della popolazione e il dato è cresciuto nell’ultimo anno di solo mezzo punto percentuale.

Anche nei redditi medi per le famiglie, il Sud si conferma la tartaruga d’Italia. Il reddito medio di una famiglia del Sud sfiora i 20 mila euro annui, mentre al centro e al Nord il valore medio sfiora i 30 mila euro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.