Al teatro Garibaldi di Palermo: "Gli avanzi di Manifesta 12 e del suo bar" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia dell'associazione comitati civici

Al teatro Garibaldi di Palermo: “Gli avanzi di Manifesta 12 e del suo bar”

23 Dicembre 2018

Un gruppo di residenti è annichilito dal degrado creato dagli organizzatori di Manifesta 12, al quale si va aggiungendo quello delle discariche a cielo aperto ad opera dei palermitani incivili e impuniti da sempre” scrivono dall’associazione comitati civici Palermo.

Al Teatro Garibaldi è stata organizzata la biglietteria e un quartiere generale di Manifesta 12 con annesso bar. Naturalmente il bar ha sistemato, si presume abusivamente, dei vasi in plastica bianca con una pedana in legno per impedire il parcheggio alle auto e per sistemare qualche tavolo all’aperto. Finita Manifesta i gestori di questo bar hanno portato via tutto, tranne i vasi di cui uno piazzato davanti la porta grigia dell’Office. Chi si dovrà occupare della rimozione di questi rifiuti, della pulizia e del ripristino del luogo?“.

LEGGI ANCHE:

Teatro Garibaldi, dopo Manifesta a Palermo resta il degrado | Fotogallery

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.