Al Teatro Politeama i concerti di Stefan Tarara, Andrea Bacchetti e gli Archi Ensamble :ilSicilia.it
Palermo

Per la stagione degli Amici della Musica

Al Teatro Politeama i concerti di Stefan Tarara, Andrea Bacchetti e gli Archi Ensamble

di
17 Marzo 2018

La stagione degli “Amici della musica” prosegue con l’esibizione di Stefan Tarara e il suo violino (lunedì 19 alle 17,15) e il pianoforte di Andrea Bacchetti con gli Archi Ensemble (martedì 20 alle 21), al teatro Politeama Garibaldi.

stefan_tarara

Tarara, musicista tedesco di fama mondiale nonostante la giovane età, eseguirà musiche di Bach e Ysaye per violino solo.

Grazie ai successi conseguiti ai concorsi internazionali, Tarara è stato nominato, tra gli altri riconoscimenti, “Musicista dell’anno” nel 2008 e nel 2010 dalla rivista musicale tedesca Neue Musikzeitung.

Martedì sera, invece, sarà la volta del pianista Andrea Bacchetti, artista considerato fra i migliori interpreti italiani di Bach e Berio, con gli Archi Ensemble.

Il programma della serata spazia da Purcell (Chaconne in sol minor ) a Bach (Concerti per pianoforte in fa minore BWV 1056 e in sol minore BWV 1058) da Haydn (Symphony n. 1 in re maggiore), fino a Boccherini (Sinfonia n.6 in re minore op. 12  n. 4  “La casa del diavolo”).

Bacchetti ha debuttato a undici anni nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano con i Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone. La sua formazione come pianista si è avviata sotto la guida di Lidia Baldecchi Arcuri ed è proseguita con Luciano Berio, con Rudolf Baumgartner ed infine alla Scuola di Imola, con Franco Scala.

Da allora si è esibito nelle massime istituzioni e festival di tutto il mondo ed è stato impegnato in tournée nei paesi dell’America del Nord e del Sud e in Giappone.

Gli Archi Ensemble, orchestra da camera nata a Palermo dall’unione delle prime parti dell’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, ha negli anni ampliato e perfezionato il repertorio.

Per ulteriori informazioni sui concerti si può consultare il sito dell’associazione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.