22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.11
Palermo

dal 20 novembre

Al via a Collesano l’iniziativa “Plastica Zero”

3 Novembre 2018

Due ordinanze, del 15 ottobre, a firma del sindaco di Collesano, Giovanni Battista Meli, stabiliscono l’avvio del percorso sostenibile “Plastica Zero” a partire dal prossimo 20 novembre.

In questo modo anche il piccolo centro madonita si inserisce nella lista dei comuni che nell’Isola hanno già fatto propria l’idea della “plastic free”, al centro peraltro di due contestati disegni di legge all’Ars, già presentati nonostante le proteste delle due principali aziende produttrici (la Diesse e la Dacca, quest’ultima di proprietà della famiglia del deputato regionale Nicola D’Agostino) che minacciano, a bocce ferme, licenziamenti.

Il trend è già in atto nel resto d’Italia, alla luce anche della nuova direttiva europea, dello scorso maggio, sulle plastiche monouso. E il comune di Collesano vuole contribuire, dal canto suo, alla riduzione della produzione di rifiuti in plastica, il cui impatto ambientale, su scala mondiale, è devastante come ormai noto.

In particolare, si farà divieto agli esercizi commerciali che operano sul territorio comunale di vendere e utilizzare stoviglie non biodegradabili, come bicchieri, piatti e posate, necessari alla somministrazione di cibi, acqua e bevande varie; e, al contempo, si farà loro divieto di utilizzare, per sé e la clientela, sacchetti di plastica non biodegradabile.

A questo, si aggiunge anche il “meccanismo” messo su per contrastare l’abbandono di rifiuti in plastica per le strade prevedendo l’obbligo, per gli esercizi commerciali, di utilizzare contenitori (si pensi alla vendita di panini, pizze, rosticceria in generale, eccezion fatta per i casi di consegna a domicilio) identificati con un timbro, numerati progressivamente e con sopra scritto il nome dell’acquirente che verserà la cauzione di un euro, da restituirgli al momento della riconsegna. Ai trasgressori multe da 25 a 500 euro.

Il quadro dell’iniziativa è completato, infine, dai contenitori e dalle stoviglie monouso biodegradabili o riutilizzabili fornite dal comune stesso in occasione di sagre e feste pubbliche.

L’obiettivo complessivo – ricorda Meliè quello di rendere questo paese più pulito, più verde e più vivibile, nella considerazione che l’ambiente è una risorsa pubblica da tutelare e salvaguardare, per le generazioni presenti e future”. E aggiunge: “Vogliamo incrementare la sostenibilità ambientale del nostro paese anche grazie allo sviluppo di efficaci pratiche di raccolta differenziata e penso, a tal proposito, ai locali da poco individuati per un ecopunto comunale che darà la possibilità di incrementarne le percentuali, con la collaborazione di tutti i cittadini”.

“Plastic free”, in Sicilia, oggi annovera anche Acireale, Alcamo, Augusta, Avola, Lampedusa, Linosa, Malfa, Noto, Pachino, Pantelleria e Pietraperzia, mentre sulla piattaforma change.org è possibile firmare la petizione “#siciliaplasticfree – La Sicilia prima Regione senza Plastica”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.