Al via a Siracusa la mostra 'Lucia al Bellomo', Samonà: "Gesto simbolico di attenzione alle donne" :ilSicilia.it
Siracusa

alla Galleria Regionale di Palazzo Bellomo

Al via a Siracusa la mostra ‘Lucia al Bellomo’, Samonà: “Gesto simbolico di attenzione alle donne”

di
24 Novembre 2021

Si inaugura domani, 25 novembre e sarà visitabile fino al 9 gennaio la mostra “Lucia al Bellomo” all’interno dello spazio museale della Galleria Regionale di Palazzo Bellomo a Siracusa.

La mostra prevede l’esposizione al pubblico delle opere dedicate al culto di S.Lucia, in gran parte conservate nei depositi della Galleria. Si tratta di un evento unico che, in occasione dei festeggiamenti di Santa Lucia, vuole rievocare la ricca committenza devozionale nella città aretusea, oggi ricco patrimonio della Galleria Regionale di Palazzo Bellomo.

L’inaugurazione della mostra dedicata a una martire, nella giornata internazionale di contrasto  alla violenza contro le donne – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonàè un gesto simbolico di attenzione alle donne espresso attraverso il contrappasso della bellezza in cui Santa Lucia, oggetto di grandissima devozione popolare, viene rappresentata“.

Proprio in occasione della Giornata dedicata alla Lotta contro il femminicidio – evidenzia Rita Insolia, Direttrice della Galleria Regionale di Palazzo Bellomo – i curatori, O.Fazzina, M.Romano, D.Bottaro, hanno voluto invitare quattro artisti contemporanei (S.Bonajuto, M.T.Gulino, T.Mazzarella, L.Reale) a rappresentare, con le loro opere, una ferma denuncia all’azione violenta sulle donne. Le opere ospitate lungo il percorso museale dialogano, infatti, con i dipinti che rievocano il martirio di Santa Lucia (il pugnale e la ferita), con una puntuale e valida attenzione al binomio: violenza e martirio nella figura femminile di ogni tempo, passato e presente“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.