23 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.41
Palermo

Con la direzione artistica di Giuseppe Muscarello

Al via la prima edizione di ConFormzioni, il festival di danza e linguaggi contemporanei

26 Aprile 2017

ConFormazioni, festival di danza e linguaggi contemporanei con la direzione artistica di Giuseppe Muscarello è un festival alla prima edizione che si svolge a Palermo nell’ultima settimana di aprile. Il Festival ospita compagnie e giovani artisti tra i più interessanti del panorama della danza nazionale ed internazionale dando uno sguardo sul mondo della creazione contemporanea e sulla sua poetica multiforme. L’attenzione del Festival è rivolta alla creazione coreografica, alla formazione, con una sezione dedicata a workshop proposti dai coreografi ospitati e da docenti esterni e all’approfondimento sull’arte coreutica attraverso due incontri. Gli spettacoli di ConFormazioni si svolgono dal Piccolo Teatro Patafisico, uno spazio creativo aperto e polivalente, un teatro che nasce all’interno di un ex manicomio e che si ispira alla Patafisica, scienza delle eccezioni.

La Patafisica è una suggestione artistica, è definita come “la scienza delle soluzioni immaginarie”. Ci piace l’idea che l’approccio patafisico sia per sua natura contrario ad ogni forma di stereotipo e pregiudizio e si fondi sulla convinzione che ogni fenomeno, così come ogni individuo, vada visto nella sua particolarità e nella sua eccezionalità. Gli spettacoli di questa prima edizione, due per sera e per due giorni, sono affidati a quattro compagnie che, proponendosi nella loro diversità di linguaggi, ci renderanno partecipi della propria purezza comunicativa. L’apertura è affidata a “R-esistenza”, di Petranura Danza, dei coreografi siciliani Laura Odierna e Salvo Romania (29 aprile h 21,00) ; lo spettacolo è una riflessione sul concetto di resilienza, cioè la capacità di un sistema di adattarsi al contesto e definire forme di r-esistenza per superare le criticità.

E’ un’opera coreografica che spazia nel linguaggio coreutico contemporaneo, mantenendo salda un’identità artistica precisa, forte, ma sempre aperta al dialogo con altre visioni e altre identità. Si continua con la compagnia Déjà Donné con “HO| ME” di e con Virginia Spallarossa (29 aprile); riflessione sulla vita di un corpo nello spazio, nella propria casa proiezione ed estensione di se. Il 30 aprile il festival ospita “Look Me Inside” e “Crepuscolo”.  “Look Me Inside” è di e con Giovanna Velardi, direttrice artistica della Compagnia Giovanna Velardi; palermitana, formatasi in Italia e in Francia che propone  una donna che non ha paura di esprimersi, che si mette a nudo e grazie alla scoperta del piacere nel donarsi, si illumina e non si vergogna di mostrare le sue fragilità. La danza della Velardi disegna un percorso nell’ombra che diventa chiaroscuro fino ad arrivare alla luce.

“Crepuscolo, Preludio per un Primo Movimento” è un progetto della compagnia Mediterra con la coreografia di Giovanni Scarcella, dove il corpo e la musica duettano insieme; dove la presenza fisica e il movimento danzato rispondono al ritmo prorompente del virtuosismo musicale dell’opera di J.S. Bach, il tutto come atto ri-generatore; la musica e la coreografia contemporanea, cercheranno insieme di tracciare e disegnare una geografia che includa il corpo e lo spazio sonoro; una geografia che rispecchia la continua indagine del coreografo, Giovanni Scarcella sull’essere umano come riflesso e risultato di pulsioni generate dal suo vivere quotidiano.

ConFormazioni è una manifestazione autofinanziata che vive grazie al sostegno di numerosi partner che riconoscono il valore del progetto e ne incoraggiano l’esistenza. I partner intervengono con le loro competenze in modo specifico e in sintonia con le finalità del festival.

 

PROGRAMMA

INCONTRI

VENERDI 28 APRILE H 18

Teatro Biondo Sala Strehler

DANZARE LA FINE  appunti sulle coreografie della crisi di Roberto Giambrone

 

SABATO 29 APRILE H 18

Piccolo Teatro Patafisico

PAROLA, DANZA, MOVIMENTO SCENICO di Alessandro Savona

 

SPETTACOLI

SABATO 29 APRILE DALLE H 21  Piccolo Teatro Patafisico

 

R-ESISTENZA

Compagnia Petranura Danza

coreografie Salvatore Romania e Laura Odierna

con Salvatore Romania

 

HO|ME

di e con Virginia Spallarossa

produzione Feja Donnè

 

DOMENICA 30 APRILE DALLE H19 Piccolo Teatro Patafisico

 

LOOK ME INSIDE

compagnia Giovanna Velardi

produzione FC@PIN.D’OC

 

CREPUSCOLO, PRELUDIO PER UN PRIMO MOVIMENTO

coreograia e danza Giuseppe Scarcella

con la collaborazione artistica Olga Alvarez e compagnia La Taimada

produzione Compagnia Teatrale Mediterra

 

WORKSHOP

VENERDI 28 APRILE

EX NOVIZIATO DEI CROCIFERI

H 9-12

Virginia Spallarossa ABITARE LA PELLE

H13-16

Salvo Romania DINAMICA CORPOREA E LINGUAGGIO CONTEMPORANEO

SABATO 29 APRILE

EX NOVIZIATO DEI CROCIFERI

H 9-12

Giovanna Velardi  IL CUORE ARTICOLARE

H 13-16

Stefano Mazzotta DESCRIZIONI

 

Ingresso per gli spettacoli nelle due serate  è di 6 euro + 2 euro per i nuovi tesserati

prenotazioni 39.661545786

workshop: pacchetto di 6 workshop  (2 al Giorno di tre ore ciascuno) 180 euro  * singolo 35 euro

info e iscrizioni  muxarte@libero.it 3929860695  3382446267

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.