13 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.07
Trapani

il 3 giugno

Al via la sedicesima edizione dello Slalom dell’Agro ericino

31 Maggio 2018

Tutto pronto per la sedicesima edizione dello Slalom dell’Agro ericino, in programma domenica 3 giugno, sul tratto di strada che da Valderice giunge a Erice, prima del bivio Martogna.  Quattromila metri il percorso con undici barriere di rallentamento. La manifestazione, organizzata dal Promoter Kinisia presieduto da Peppe Licata, è valevole come prova del campionato italiano della specialità.

Alla gara ericina  sono iscritti 145 piloti, di cui tre donne. In totale sono rappresentate ben diciannove scuderie: Trapani Corse, Festina Lente Racing, Catania Corse, Armanno Corse, Project Team, C.S.T., Viemme Corse, Puntese Corse, Ro Racing, Tm Racing, Sumbeam Motor Sport, Giarre Corse, Piloti x Passione, Misilmeri Corse, Tecno Racing, Phoenix, Motor Team Niseno, Campobasso Corse, Vesuvio.

Il programma della manifestazione prevede, per sabato 2 giugno, dalle 15,30 alle 20, le verifiche tecniche e sportive che si terranno a Lido Valderice, mentre la gara, con la direzione del palermitano Marco Cascino e servizio crono affidato all” associazione “Giovanni Sardo“di Trapani, prenderà il via alle 9 di domenica con la prima delle tre manche.

Lo slalom in provincia di Trapani, sempre con l’organizzazione del Promoter Kinisia,  tornerà poi il 24 giugno con la seconda edizione del Monte Bonifato – Città di Alcamo, gara che quest’anno è valevole per il campionato regionale della specialità.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.