Al via la sfida "Comuni Fioriti d’Italia", dalla Sicilia tredici iscritti :ilSicilia.it

La sfida è quella di tenere pulito e fiorito il proprio paese

Al via la sfida “Comuni Fioriti d’Italia”, dalla Sicilia tredici iscritti

di
15 Luglio 2017

Presentato a Torino l’elenco dei comuni Italiani aderenti all’edizione 2017 del Concorso Nazionale Comuni Fioriti d’Italia.

La sfida mette a confronto sensibilità e abilità di cittadini e amministrazioni comunali a tenere verde, pulito e fiorito il proprio paese in un’ottica di marketing turistico-ambientale che si riassume nel motto “Fiorire è Accogliere”. Imprescindibile il legame tra il turismo e la gradevole accoglienza di un luogo curato nel verde, nel decoro ma soprattutto nel colore dei fiori che si tramuta inequivocabilmente in qualità di vita dei residenti.

Nonostante la sfida tra città fiorite esiste in Europa dai primi del ‘900 in Italia è arrivata solo da dieci anni, prima solo in Piemonte poi a livello Nazionale, organizzato da Asproflor unico referente che ogni anno seleziona anche le città Italiane per l’analogo concorso Europeo di “Entente Florale” e quello mondiale di “Communities in Bloom Canada”. Titoli che potrebbero essere anche alla portata di qualche città Siciliana ma che al momento sono appannaggio solo di località dell’Italia settentrionale. Quest’anno in gara per l’Europa i Comuni di Pomaretto (Torino) e Faedo (Trento) mentre l’unica città Italiana per il Mondiale è Grado (Gorizia).

Tra conferme e nuove proposte la Sicilia, quest’anno, si presenta al concorso nazionale con tredici Comuni quasi tutti della Provincia di Messina, accanto ai capisaldi di Terme Vigliatore e Sinagra per il lato tirrenico ci provano Acquedolci, Furnari che punta a promuovere la sua Tonnarella e poi i Comuni di Oliveri e Ucria, conferme per Montagnareale, Montalbano Elicona, Tusa-Castel di Tusa. Per il lato Ionico rilanciano la sfida con i comuni di tutta Italia, Forza d’Agrò, Gallodoro e Roccafiorita. Completa la squadra il virtuoso comune di Gangi in provincia di Palermo.

A dare comunicazione è stato Michele Isgrò neo Vice Presidente Nazionale di Aproflor-Comuni Fioriti che ben presto sarà chiamato al suo primo impegno ufficiale. Asprofor, infatti, oltre a coordinare il Circuito Comuni Fioriti è protagonista nella costituzione del “Coordinamento Nazionale del Florovivaismo e del Paesaggio” che riunisce i più importanti Consorzi, Associazioni e Distretti Florovivaistici per dare voce unica in un “tavolo verde” con il Ministero. A settembre è previsto un nuovo incontro a Roma e Michele Isgrò in seno al Direttivo Nazionale Asproflor potrà, per la sua parte, dare voce alle problematiche del florovivaismo locale.

Per i comuni impegnati nella competizione, l’imperativo è chiaro, fiorire a più non posso per conquistare gli ambiti fiori rossi da uno a quattro che saranno attribuiti dalla Giuria Nazionale quanto prima in visita. La Premiazione Nazionale quest’anno si terrà nella città Umbra dell’arte e dei fiori Spello (Perugia) a Novembre, il giorno 11 con l’elezione di Miss Comuni Fioriti e il giorno 12 con la Premiazione dei Comuni Fioriti di tutta Italia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.