Al via la sfida "Comuni Fioriti d’Italia", dalla Sicilia tredici iscritti :ilSicilia.it

La sfida è quella di tenere pulito e fiorito il proprio paese

Al via la sfida “Comuni Fioriti d’Italia”, dalla Sicilia tredici iscritti

di
15 Luglio 2017

Presentato a Torino l’elenco dei comuni Italiani aderenti all’edizione 2017 del Concorso Nazionale Comuni Fioriti d’Italia.

La sfida mette a confronto sensibilità e abilità di cittadini e amministrazioni comunali a tenere verde, pulito e fiorito il proprio paese in un’ottica di marketing turistico-ambientale che si riassume nel motto “Fiorire è Accogliere”. Imprescindibile il legame tra il turismo e la gradevole accoglienza di un luogo curato nel verde, nel decoro ma soprattutto nel colore dei fiori che si tramuta inequivocabilmente in qualità di vita dei residenti.

Nonostante la sfida tra città fiorite esiste in Europa dai primi del ‘900 in Italia è arrivata solo da dieci anni, prima solo in Piemonte poi a livello Nazionale, organizzato da Asproflor unico referente che ogni anno seleziona anche le città Italiane per l’analogo concorso Europeo di “Entente Florale” e quello mondiale di “Communities in Bloom Canada”. Titoli che potrebbero essere anche alla portata di qualche città Siciliana ma che al momento sono appannaggio solo di località dell’Italia settentrionale. Quest’anno in gara per l’Europa i Comuni di Pomaretto (Torino) e Faedo (Trento) mentre l’unica città Italiana per il Mondiale è Grado (Gorizia).

Tra conferme e nuove proposte la Sicilia, quest’anno, si presenta al concorso nazionale con tredici Comuni quasi tutti della Provincia di Messina, accanto ai capisaldi di Terme Vigliatore e Sinagra per il lato tirrenico ci provano Acquedolci, Furnari che punta a promuovere la sua Tonnarella e poi i Comuni di Oliveri e Ucria, conferme per Montagnareale, Montalbano Elicona, Tusa-Castel di Tusa. Per il lato Ionico rilanciano la sfida con i comuni di tutta Italia, Forza d’Agrò, Gallodoro e Roccafiorita. Completa la squadra il virtuoso comune di Gangi in provincia di Palermo.

A dare comunicazione è stato Michele Isgrò neo Vice Presidente Nazionale di Aproflor-Comuni Fioriti che ben presto sarà chiamato al suo primo impegno ufficiale. Asprofor, infatti, oltre a coordinare il Circuito Comuni Fioriti è protagonista nella costituzione del “Coordinamento Nazionale del Florovivaismo e del Paesaggio” che riunisce i più importanti Consorzi, Associazioni e Distretti Florovivaistici per dare voce unica in un “tavolo verde” con il Ministero. A settembre è previsto un nuovo incontro a Roma e Michele Isgrò in seno al Direttivo Nazionale Asproflor potrà, per la sua parte, dare voce alle problematiche del florovivaismo locale.

Per i comuni impegnati nella competizione, l’imperativo è chiaro, fiorire a più non posso per conquistare gli ambiti fiori rossi da uno a quattro che saranno attribuiti dalla Giuria Nazionale quanto prima in visita. La Premiazione Nazionale quest’anno si terrà nella città Umbra dell’arte e dei fiori Spello (Perugia) a Novembre, il giorno 11 con l’elezione di Miss Comuni Fioriti e il giorno 12 con la Premiazione dei Comuni Fioriti di tutta Italia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin