16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.20
Palermo

a partire dal 31 ottobre

Al via la terza edizione del “Mese dei Diritti”, oltre cento appuntamenti a Palermo

30 Ottobre 2018

Spettacoli, laboratori, proiezioni e tanto altro ancora. Sono oltre 100 gli appuntamenti sparsi per la città e creati a misura di bambini e bambine, famiglie ed educatori in occasione della terza edizione del “ Mese dei diritti”, che si svolgerà a novembre .

L’iniziativa è promossa dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo, Pasquale D’Andrea che afferma: “ E’ fondamentale mettere in primo piano i bisogni dei ragazzi e delle ragazze, non tanto in un’ottica futura quanto presente, e renderli attori principali nel palcoscenico della propria città. I temi che quest’anno andremo ad affrontare – continua D’Andrea– sono: la diffusione della cultura dei diritti; la promozione del turismo familiare e il contrasto alla povertà educativa. Temi fondamentali che vanno promossi e condivisi per trovare insieme strategie e obiettivi comuni nell’intento di costruzione una Comunità accogliente ed educante”.

Novembre rappresenta il mese in cui è stata firmata la Convenzione ONU di New York nel 1989, ratificata in Italia con legge 176 del 27 maggio 1991, che riconosce i bambini e le bambine come soggetti di diritto.

Il primo appuntamento è Mercoledì 31 alle ore 15 presso il Teatro Garibaldi dove verrà illustrato il programma completo.

 

Gli appuntamenti principali

Tavoli di confronto. Sono in tutto 5 i tavoli di confronto dove saranno trattati 5 ambiti di intervento: diritti civili; ascolto partecipazione; ambiente familiare; salute e sicurezza; educazione cultura sport. I temi sono relativi alle condizioni di benessere ideale per tutti i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze. Ad ogni tavolo, aperto agli addetti ai lavori e ai singoli cittadini, non ci saranno degli “esperti” ma ognuno dei partecipanti è chiamato a dare la propria visione futura rispetto alla tematica e alla programmazione dei lavori per gli anni a seguire.

Laboratori pensati per gli adolescenti. Quattro incontri dedicati agli adolescenti, per ascoltare la loro opinione, sentire le loro esigenze e soprattutto per individuare delle strategie comuni.

Festa all’Ecomuseo del Mare, Martedì 20 Novembre. Un pomeriggio di festa, giochi, animazione e divertimento per festeggiare la “Giornata mondiale dell’infanzia e dell’adolescenza “.

Incontri in ogni circoscrizione. Otto incontri nelle 8 Circoscrizioni di Palermo per raccogliere, elaborare e mettere a sistema le risorse del territorio utili al sostegno dei “Comitati educativi” .

Più di 100 attività rivolte ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze ma anche alle famiglie, sparse per la città, per tutto il mese di novembre. Tutti i dettagli sulle date e altre informazioni saranno rese note Mercoledì 31 alle 15 presso il Teatro Garibaldi.

Sarà possibile seguire gli appuntamenti sul sito www.garanteinfanzia.comune.palermo.it e sulla pagina Facebook GaranteInfanziaAdolescenzaComunePalermo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.