Al via la XIV edizione del Rally Valle del Sosio: la manifestazione delle auto storiche a Chiusa Sclafani :ilSicilia.it
Palermo

93 gli equipaggi che hanno aderito

Al via la XIV edizione del Rally Valle del Sosio: la manifestazione delle auto storiche a Chiusa Sclafani

di
8 Settembre 2021

Sfide da Cir alla quattordicesima edizione del Rally Valle del Sosio, che si disputerà questo fine settimana in provincia di Palermo. Alla manifestazione, che chiuderà la Coppa rally di zona e il Trofeo rally di Zona, riservato alle auto storiche, hanno aderito 93 equipaggi. Alessio Profeta e Gigi Pirollo, su Skoda Fabia Evo2 R5 e, su una vettura gemella, Marco Pollara e Daniele Mangiarotti, saranno gli equipaggi da battere. La gara è organizzata dal comune di Chiusa Sclafani, in collaborazione con le amministrazioni di Bisacquino, Giuliana, Palazzo Adriano e Prizzi, che compongono l’Unione dei comuni della Valle del Sosio.

Ormai manca solo l’ufficializzazione degli iscritti, ma è tutto pronto per la quattordicesima edizione del Rally del Sosio, manifestazione che chiuderà la prima fase della Coppa rally di zona e il Trofeo rally di zona, riservato alle auto storiche.

Sono 93 gli equipaggi che, questo fine settimana sulle strade della provincia di Palermo, a ridosso della valle del fiume Sosio, si sfideranno per guadagnarsi gli ultimi posti per partecipare alla finale nazionale del campionato che si disputerà a fine ottobre a Modena. In palio ci saranno anche il Trofeo Aldo Geraci e i Memorial Totò Coniglio e Michele Caronia.

La due giorni dedicata ai motori, organizzata dal comune di Chiusa Sclafani, in sinergia con le amministrazioni di Bisacquino, Giuliana, Palazzo Adriano e Prizzi, rispetterà le restrizioni relative alle misure di contenimento per evitare il propagarsi dell’epidemia da Covid19 e verrà proposta nella formula delle tre speciali da ripetere tre volte: la Sant’Anna che misura 5,4 chilometri, la San Carlo di 6,48 e l’inedita Prizzi di 9.

Gli equipaggi avranno modo di provare le proprie vetture nello shake down che verrà allestito lungo un tratto della prova di Sant’Anna.

Ben sette le vetture della classe R5 che saranno ai nastri di partenza. Spetterà ad Alessio Pollara, che dividerà l’abitacolo della sua Skoda Fabia Evo 2 con il decano dei navigatori, Gigi Pirollo e a Marco Pollara, al via sempre su una Skoda Fabia con Daniele Mangiarotti, il ruolo di favoriti. I due equipaggi, portacolori rispettivamente della Island Motorsport e della Cst Sport, abituali frequentatori del CIR, metteranno a frutto l’esperienza maturata nel Campionato Italiano per tenere a bada l’impeto del plotone degli altri partecipanti, capitanato da Roberto Lombardo e Andrea Spanò, attuali leader della classifica generale della Coppa rally di zona. I due alfieri della Caltanissetta Corse saranno della partita con la loro abituale Peugeot 207 Super 2000 che vanta, nei confronti delle più performanti R5, un cospicuo gap di potenza. Nella classe regina al via ci saranno anche Giovanni Cutrera e Valentina Di Palermo, con una Hyundai I20, il locale Giuseppe Di Giorgio, che esordirà nella categoria delle Top Car su una Skoda Fabia, in coppia con Ivan Rosato, sempre con una Skoda Fabia ci saranno Marcello Calandrino e Massimo D’Amico e Maurizio Mirabile, in coppia con Rino Calderone. Da tenere d’occhio ci sarà anche il duello in Super 1600 tra le Renault Clio del forte driver locale Arcangelo Palazzo, che dividerà l’abitacolo della sua “francesina” con Marcus Salemi e Gabriele Morreale, al via con Armando Marchica. In classe N5 esordio nazionale della Volkswagen Polo che verrà portata in gara dall’equipaggio Scalia-Caldarella. Tra le auto storiche il nome dei vincitori verrà fuori con certezza dai quattro equipaggi al via con le Porsche 911 del Secondo Raggruppamento. Su tutti spiccano i nomi dei portacolori della scuderia RO Racing Mimmo Guagliardo e Roberto Consiglio che dovranno vedersela con i tre equipaggi Savioli-Davis, Gordon-Dolce e Spinnato-Mellina. In Terzo raggruppamento sfida a due tra la Porsche 911 di Mauro Lombardo e Rosario Merendino e quella dei padroni di casa Antonio Di Lorenzo e Franco Cardella.

L’appuntamento è rinviato a sabato undici settembre quando con le verifiche tecniche e sportive, che si terranno in mattinata a Bisacquino, la manifestazione prenderà ufficialmente il suo via. Il complesso storico monumentale della Badia, a Chiusa Sclafani, ospiterà la direzione gara, la sala stampa e la segreteria. La zona artigianale del paese delle ciliegie sarà il fulcro operativo della due giorni dedicata ai motori e ospiterà riordini e parchi assistenza.

La competizione prenderà il via la domenica mattina, alle otto in punto, dalla piazza di Palazzo Adriano, uno dei luoghi simbolo di Nuovo Cinema Paradiso, capolavoro cinematografico valso l’Oscar a Peppuccio Tornatore. L’arrivo dei concorrenti avverrà, sempre nella serata della stessa giornata, in piazza Santa Rosalia a Chiusa Sclafani.

A dirigere la gara sarà Michele Vecchio che coordinerà circa 150 ufficiali di gara che opereranno sul percorso che misura 296,02 chilometri, dei quali 62,64 di tratti cronometrati, per garantire elevati standard di sicurezza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.