Al via le Giornate FAI: dieci nuovi siti e un'iniziativa speciale in Sicilia | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Sabato 23 e domenica 24 marzo

Al via le Giornate FAI: dieci nuovi siti e un’iniziativa speciale in Sicilia | FOTO

di
18 Marzo 2019

Guarda la fotogallery in alto 

La primavera in arrivo apre le porte alla 27ª edizione delle Giornate del FAI che a Palermo si svolgeranno sabato 23 e domenica 24 marzo, con un evento nazionale di partecipazione attiva e raccolta fondi.

Tema di quest’anno è la contaminazione culturale, filone che sostiene il progetto “FAI ponte tra culture“, con l’obiettivo di amplificare e raccontare le diverse influenze culturali straniere disseminate nei beni aperti in tutta Italia.

Piazzetta Sett'angeli
Piazzetta Sett’angeli

La Delegazione di Palermo a scelto Piazza Sett’Angeli: “Nella ricchezza dei suoi edifici monumentali – ha dichiarato Sabrina Miloneappare tipicamente italiana, ma osservandone meglio gli elementi riusciamo a leggere e scoprire culture, che si sono sedimentate, incontrate, contaminate tra loro. Ci troviamo, infatti, nell’area della Neapoli punica, fortificata dal sec. IV a.C., e il paesaggio urbano che possiamo apprezzare oggi è il prodotto di ben venticinque secoli di trasformazioni“.

Nel weekend di attività a Palermo si potranno visitare ben 10 siti, luoghi spesso inaccessibili ed eccezionalmente aperti al pubblico.

Ecco quali saranno: la Cripta, il Coro e la Basilica di San Francesco D’Assisi (Piazza San Francesco d’Assisi); Piazza Sett’Angeli; l’Oratorio Dell’Immacolatella (Via Immacolatella, 1); il Fondo Librario Antico della Compagnia di Gesù (Via Piersanti Mattarella, 38 – 42); il Rifugio Antiaereo degli Studenti del Liceo Vittorio Emanuele (Corso Vittorio Emanuele, presso Biblioteca centrale della Regione Siciliana); il Palazzo Alliata dei Principi di Villafranca (Piazza Bologni, 20); Liceo Classico Vittorio Emanuele II (Sede centrale via Simone Bologna 11); Palazzo Drago Airoldi di Santa Colomba (Via Vittorio Emanuele 382, riservato agli iscritti FAI); Chiesa del Collegio del Giusino ( Via Collegio del Giusino); il Complesso di Casa Professa (Piazza Casa Professa 21).

A questi luoghi, dove i volontari della Delegazione FAI Palermo e del Gruppo FAI Giovani, insieme agli Apprendisti Ciceroni, accompagneranno cittadini e turisti (alcune visite si svolgeranno anche in lingua inglese) si aggiunge anche un’iniziativa speciale, ovvero la possibilità di viaggiare su un treno storico per la Valle dei Templi di Agrigento.

Valle dei Templi
Valle dei Templi

Domenica 24, infatti, l’ottocentesco impianto ferroviario tornerà a vivere come capolinea di una linea turistica, la “Ferrovia dei Templi”: a bordo dei carrelli a motore e a pedale, ci saranno visite guidate, mostre di cultura, storia e artigianato, aree street food.

L’itinerario del treno storico prevederà: partenza da Palermo Centrale (ore 8) e arrivo a Porto Empedocle Centrale (ore 11.34), ritorno da Porto Empedocle Centrale (ore 18) e arrivo a Palermo Centrale (ore 21). Sarà possibile, inoltre, viaggiare tra la stazione di Porto Empedocle Centrale e la Valle dei Templi (prenotazione all’indirizzo prenotazioni@fondazionefs.it).

Le Giornate FAI di Primavera rappresentano la più grande festa di piazza dedicata ai beni culturali italiani; in provincia di Palermo, per questa edizione, le aperture coinvolgeranno Bagheria, Caccamo, Carini, Castelbuono, Corleone e Isnello; in tutti i siti sarà possibile sostenere la Fondazione con un contributo facoltativo o con l’iscrizione.

Qui il calendario completo delle attività con eventuali variazioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.