Al via lo sgombero del Cara di Mineo :ilSicilia.it
Catania

I primi ad andare via sono 50 adulti

Al via lo sgombero del Cara di Mineo

di
6 Febbraio 2019

Al Cara di Mineo inizia il trasferimento dei migranti. I primi ad andare via dal centro di prima accoglienza siciliano, sono 50 adulti, maschi e senza figli, ospiti da tempo nella struttura. Saranno smistati in altri centri “assistenza per stranieri”.

Il secondo blocco partirà il 17 febbraio e il terzo blocco di 50 migranti, dopo dieci giorni.

Invece, le famiglie con bambini e le situazioni ritenute maggiormente ‘vulnerabili’, come quelle di mamme sole con figli o persone con problemi di salute, resteranno per il momento nella struttura.

Il Cara di Mineo, che ha aperto i battenti sette anni fa, era già stato teatro di scandali e inchieste giudiziarie da quella per una presunta truffa da 1 milione di euro sui rimborsi spese, con liste che sarebbero state gonfiate ad arte, a quella sulla cosiddetta ‘parentopoli’ nelle assunzioni effettuate dalle cooperative che hanno gestito il centro.

Inoltre, davanti al Tribunale di Catania, è ancora pendente il processo a 15 persone imputate di turbativa d’asta per l’appalto dei servizi, dal 2011 al 2014. Dal procedimento è uscito Luca Odevaine, che ha patteggiato sei mesi di reclusione.

Nell’indagine sugli appalti era implicato anche il sottosegretario alle Politiche agricole, Giuseppe Castiglione. Anche per questo il centro era già entrato nel mirino di Salvini. Nel 2016 il segretario della Lega si augurava non solo che fosse chiuso ma anche raso al suolo, arrivando nel maggio 2017 a dormirci all’interno con tanto di social-reportage. Ad agosto 2018, da ministro dell’Interno aveva abbassato i toni annunciando comunque una stretta del numero degli ospiti – da 3 mila a 2.400 ospiti – e del costo pro-capite dell’accoglienza: da 29 a 15 euro.

Questo è un centro di accoglienza richiedenti asilo. Tutti i cittadini stranieri presenti all’interno del campo, nel momento in cui ritirano il permesso di soggiorno se viene loro concesso, hanno l’obbligo di lasciare il campo”, spiega a ilSicilia.it il direttore della struttura Francesco Magnano. Che aggiunge “d’altro canto è inimmaginabile pensare di vivere la propria vita all’interno di una misura di accoglienza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin